Politica
Veneto seconda Regione italiana

Al via la campagna nazionale anti-abusivismo: Treviso tra le province più virtuose d'Italia

Il presidente di Confartigianato Oscar Bernardi: "L’obiettivo però è tolleranza zero. Servono legalità e incentivi ai settori più colpiti".

Al via la campagna nazionale anti-abusivismo: Treviso tra le province più virtuose d'Italia
Politica Treviso, 09 Maggio 2022 ore 16:50

La Marca Trevigiana brilla nella lotta all’abusivismo. Il pericoloso fenomeno incide per il 12,2% sulle imprese attive in provincia, contro una media veneta del 13% e nazionale del 13,7%. Dati che collocano Treviso al 70° posto, tra gli ultimi della poco invidiabile classifica dell’abusivismo.

"Siamo la regione più virtuosa d’Italia - afferma Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana - secondi alla sola provincia autonoma di Bolzano. Ma l’obiettivo è tolleranza zero".

Al via la campagna nazionale anti-abusivismo: Veneto seconda Regione più virtuosa d'Italia

È netto il giudizio di Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana. Proprio l’artigiano e le piccole e medie imprese sono le prime vittime del fenomeno. Oltre ai consumatori, ai quali non è garantita la qualità e la sicurezza offerta dalle imprese regolari. La preoccupazione è tale che l’associazione ha lanciato una campagna nazionale d’informazione contro l’abusivismo dal titolo “Occhio ai furbi! Mettetevi solo in buone mani”.

 

"Tre sono gli obiettivi dell’iniziativa - spiega il presidente Bernardi - Mettere in guardia i consumatori dal rischio di cadere nelle mani di operatori improvvisati, valorizzare qualità, durata, rispetto delle norme, convenienza e sicurezza del lavoro dei veri artigiani, richiamare le Autorità a un’azione di controllo e repressione e di contrasto all’evasione fiscale e contributiva".

In Veneto il sommerso “vale” 15,6 miliardi di euro e rappresenta il 10,6% del valore aggiunto regionale, percentuale ben inferiore al 12,6% nazionale. Un danno anche per le casse dello Stato. I settori più colpiti nella Marca Trevigiana sono acconciatori ed estetiste, seguiti dall’edilizia, che coinvolge muratori e pittori. Quindi gli elettricisti, le autofficine, gli idraulici, i servizi di riparazione di beni personali e della casa, potatori e giardinieri.

"Chiediamo tolleranza zero per un fenomeno che sottrae lavoro e reddito ai piccoli imprenditori e risorse finanziarie allo Stato - è l’invito di Oscar Bernardi - Far rispettare le norme e tutelare la legalità è fondamentale, ma non sufficiente per sconfiggere l’abusivismo. È necessario strutturare anche delle azioni premianti, sia per le imprese che per i cittadini, di concerto con il governo e gli organi di controllo. Serve prevedere delle facilitazioni in termini di bonus e di sgravi per chi opera nella legalità, magari agendo concerto con le compagnie di assicurazione. Azioni mirate prioritariamente ai settori più esposti all’abusivismo. I cittadini, poi, dovrebbero essere consapevoli che, nel momento in cui si rivolgono a chi opera scorrettamente, oltre a d essere scoperti sotto il profilo del risarcimento sono corresponsabili per i mancati introiti fiscali  soprattutto hanno responsabilità nel caso i soggetti a cui si rivolgono dovessero avere degli incidenti".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter