Menu
Cerca
SUPPORTO ECONOMICO

Breda di Piave, il Comune stanzia 7mila euro per lavoratori di turismo, sport e cultura danneggiati dal Covid

Pubblicato il bando sul sito in questi giorni. Ai beneficiari andrà un contributo "una tantum" da 400 a 800 euro

Breda di Piave, il Comune stanzia 7mila euro per lavoratori di turismo, sport e cultura danneggiati dal Covid
Politica Treviso, 27 Maggio 2021 ore 16:24

Il Comune di Breda di Piave ha deliberato lo stanziamento di 7mila euro per aiutare alcuni dei settori più danneggiati dalla pandemia di Covid-19: turismo, sport, cultura e spettacolo.

Fondi regionali

I beneficiari, suddivisi in tre fasce in base alla situazione economica personale, potranno ricevere un contributo una tantum da 400 a 800 euro.

L’Amministrazione Comunale vuole assicurare un supporto non solo alle fasce storicamente deboli e marginalizzate, ma anche a chi, colpito dall’emergenza Covid-19 e privo di ammortizzatori sociali, in mancanza di alcun intervento si troverebbe presto in una situazione di particolare criticità. I fondi, frutto del contributo erogato dalla Regione nell’ambito del RIA (Reddito di Inclusione Attiva), saranno assegnati tramite un bando, pubblicato il 13 maggio sul sito del Comune.

“L’Amministrazione Comunale – dichiara Moreno Rossetto, sindaco di Breda di Piave – dopo aver messo in atto tutta una serie di iniziative per contrastare il coronavirus, ha varato anche un bando che abbiamo voluto rivolgere ad alcuni dei settori più colpiti e spesso sottovalutati: turismo, sport, cultura. La comunità bredese rimane dunque unita, mi auguro che presto usciremo tutti assieme dalla pandemia e rilanceremo il nostro territorio con grande energia”.

“La nostra attenzione – afferma Adelaide Scarabello, vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali del Comune di Breda di Piave – va alle situazioni più fragili. Siamo partiti dall’analisi dei bisogni per capire come assegnare al meglio i fondi giunti dalla Regione. Siamo vicini alla popolazione bredese, vogliamo far emergere anche chi non se la sente di chiedere aiuto per il momento di difficoltà generato dalla pandemia”.