Politica
il vaccino della discordia

Il vaccino Covid non convince il sindaco-medico di Santa Lucia di Piave

"Se il vaccino è così sicuro perché non è il politico a dare il buon esempio?". 

Il vaccino Covid non convince il sindaco-medico di Santa Lucia di Piave
Politica Montebelluna, 29 Dicembre 2020 ore 10:53

Riccardo Szumski, "Un Medico, un Sindaco, un Veneto" come si definisce su Facebook, ha dichiarato che per il momento non si inietterebbe il vaccino anti Covid in circolazione, che non lo convince affatto.

Riccardo Szumski, "Medici ospedalieri sembrano comparse di una recita"

Come riporta il Corriere del Veneto, il sindaco (e medico di base) di Santa Lucia di Piave (Treviso) ha dichiarato che «I medici ospedalieri dipendenti da un’azienda sanitaria che si fanno vaccinare sotto gli occhi del loro padrone politico e attorniati da fotografi mi sembrano le comparse di una recita. Se il vaccino è così sicuro perché non è il politico a dare il buon esempio?».

Szumski si è dichiarato «molto perplesso rispetto alle basi scientifiche che hanno portato alla produzione del vaccino in consegna in tutta Italia. Io in questo momento - aggiunge Szumski - non lo inietterei su me stesso. È molto meglio attendere quello in arrivo fra tre mesi e prodotto dalla Glaxo. Il metodo utilizzato per la sperimentazione è identico a quello per i vaccini antinfluenzali, dunque molto più collaudato».

Nessuno dei suoi pazienti è morto per Covid

Szumski, che oltre ad essere il sindaco del paese è anche uno dei medici di base (molto amato, peraltro), lascia libera scelta ai suoi pazienti, sottolineando che nessuno di loro è morto per Covid nell'arco di questi 10 mesi.

Il sindaco trevigiano si dichiara disponibile a cambiare idea non appena ci saranno le evidenze scientifiche necessarie, che per il momento per lui ancora non sussistono.

LEGGI ANCHE:

Vaccino anti Covid: in Veneto arriveranno 186.225 dosi, definito il piano per la distribuzione