Stanziati più di 50 milioni per la sanità veneta

Via libera a 51,5 milioni di investimenti nella sanità Veneta. Zaia: "Investiamo milioni in progetti virtuosi. Ancora meglio con l'autonomia, e non solo per noi, ma per tutte le regioni che accetteranno la sfida".

Stanziati più di 50 milioni per la sanità veneta
Treviso, 26 Aprile 2019 ore 12:09
La sanità veneta si arricchisce di altri 51 milioni 456 mila 948 euro di investimenti in strumentazioni di vario genere, acquisti di materiali, e nella realizzazione dei Piani Antincendio nelle Ullss, nelle Aziende Ospedaliere della regione e nell’Istituto Oncologico Veneto-IOV.

Il maxi finanziamento è stato deciso dalla Giunta regionale che, nella sua ultima seduta, ha approvato due diverse delibere: la ricognizione dei flussi finanziari gestiti attraverso Azienda Zero e relativi ai fondi disponibili della Gestione Sanitaria Accentrata (quella parte del riparto del Fondo Sanitario Nazionale che, ogni anno, non viene suddivisa tra le Ullss ma trattenuta in capo alla Regione), che ha fatto registrare importanti economie di spesa; e l’approvazione di 39 progetti presentati per il finanziamento dalle diverse Aziende sanitarie e approvati in varie sedute della Commissione Regionale per l’Investimento in Tecnologia e Edilizia in sanità (la CRITE).

“Sono 51,5 milioni di virtuosità – dice il presidente della Regione – che reinvestiamo grazie all’attenzione certosina con cui si gestiscono i fondi e alla decisione strategica di destinare ogni anno cifre ingenti alla crescita tecnologica e strutturale dell’intero sistema. Ne beneficiano le cure, con l’acquisto di nuovi macchinari e nuovi presìdi sanitari, e la sicurezza delle persone ricoverate negli ospedali con i Piani Antincendio, fondamentali per contribuire all’eccellenza delle strutture”.

Sono soldi nostri, cioè dei veneti – sottolinea il Governatore – che reinvestiamo per le loro cure e le strutture che le erogano. Una dimostrazione di efficienza della sanità veneta nella spesa che avviene a prescindere dall’autonomia, che potrà solo migliorarla, per il Veneto, ma anche per tutte quelle Regioni che vorranno e sapranno raccogliere la sfida della responsabilità e dell’efficienza. Ad oggi, a diversi livelli di procedura, sono già 17 – ricorda – e anche per questo un po’ fa sorridere e un po’ fa rabbia che qualche catastrofista insista nell’affermare quel vero e proprio imbroglio che vorrebbe alcune Regioni egoiste sottrarre qualcosa alle altre. Niente di più falso. Chiediamo semplicemente di avere più libertà di manovra nel gestire oculatamente quello che ci tocca dal riparto nazionale. Il risultato, usando al meglio ogni euro disponibile, lo vediamo già oggi con questa manovra da 51,5 milioni. Senza togliere nulla a nessuno. Con l’autonomia faremo ancora meglio, e così sarà per tutte le altre Regioni. La sanità di serie A e di serie B esiste oggi. L’autonomia curerà questa situazione, altro che affossare chi è in difficoltà”.

Tra i 39 progetti della sanità veneta finanziati, figurano i piani Antincendio di tutte le nove Ullss, delle Aziende Ospedaliere di Padova e Verona e dell’Istituto Oncologico Veneto-IOV: 980 mila euro per quello dell’Ulss di Belluno, 4 milioni 535 mila euro per l’Ulss 2 della Marca Trevigiana, 802 mila 600 euro per l’Ulss 3 Serenissima, 3 milioni 015 mila euro per l’Ulss 4 Veneto Orientale, 905.500 euro per l’Ulss 5 Polesana, un milione 355 mila euro per l’Ulss 6 Euganea, 759 mila 267 euro per l’Ulss 7 Pedemontana, 7 milioni 168 mila euro per l’Ulss 8 Berica, 1 milione 492 mila euro per l’Ulss 9 Scaligera, un milioni 048 mila euro per l’Azienda Ospedaliera di Padova, 1 milione 817 mila euro per l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, 100 mila euro per l’Istituto Oncologico Veneto-IOV.

Dei 39 progetti finanziati, ben 17 superano, anche di molto, il milione di euro di importo, con le punte di 11 milioni 462 mila euro all’Ulss 9 Scaligera per l’acquisto di sistemi analitici completi per l’effettuazione degli esami di laboratorio; e di 7 milioni 168 mila euro per il Piano Antincendio dell’Ulss 8 Berica.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità