Idee & Consigli

Investimenti online: facciamo il punto sul successo delle app di trading

Investimenti online: facciamo il punto sul successo delle app di trading
Idee & Consigli Treviso, 18 Dicembre 2021 ore 09:40

Le app mobile sono sempre più utilizzate per investire online, soprattutto grazie alla spinta delle criptovalute in ambito retail. Secondo App Annie, nel solo terzo trimestre 2021 i download di app per investire nelle monete digitali sono aumentati del 75% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, confermando il trend positivo per le applicazioni per smartphone di exchange e broker.

Al giorno d’oggi infatti tutti gli intermediari finanziari propongono una versione mobile, mettendo a disposizione un’app per device Android e iOS insieme alla classica piattaforma web per pc. Tuttavia, nonostante investire tramite app possa risultare più semplice, bisogna prestare attenzione alla sicurezza e alla formazione, scegliendo solo app fornite da operatori regolamentati, non sottovalutando il rischio negli investimenti e il ruolo della preparazione finanziaria.

Le app di trading migliori per cominciare a investire online

Un’app di trading è un’applicazione progettata appositamente per i dispositivi mobili, ovvero per tablet e soprattutto smartphone, con la quale è possibile accedere ai mercati e iniziare a investire in azioni, criptovalute, ETF e su altri asset tramite strumenti derivati come i CFD. Il servizio deve essere gestito da un’azienda autorizzata in possesso di licenza europea, inoltre è importante scegliere l’app di un broker adatto alle proprie esigenze d’investimento.

Come riportato nella guida messa a disposizione da Finaria.it, tra le migliori app di trading una delle più complete e interessanti è l’app eToro, un broker con licenza CySEC e vigilato dalla Consob. L’intermediario mette a disposizione diversi servizi, come il trading CFD a spread contenuti, la compravendita di azioni e ETF senza commissioni, l’acquisto di criptovalute e il copy trading, una funzionalità che permette di replicare le strategie d’investimento degli altri trader in base alle performance ottenute.

Un’applicazione consigliata da provare è anche l’app di XTB, broker autorizzato e quotato in borsa specializzato nel trading CFD. Attraverso l’app dell’operatore è possibile investire su tantissimi asset come azioni, materie prime, Forex e indici, operando in borsa con i contratti per differenza speculando sulle oscillazioni delle quotazioni, sia al rialzo che al ribasso, investendo direttamente dal proprio smartphone.

Un servizio in grado di offrire spread ridotti o azzerati è l’app Libertex, broker regolamentato in Europa molto gettonato soprattutto da chi preferisce investire sulle materie prime. Il broker propone un’app mobile con un’interfaccia moderna e intuitiva, strumenti avanzati per l’analisi tecnica e quotazioni aggiornate in tempo reale, con risorse utili per la formazione e un sistema efficiente per l’impostazione degli ordini automatici per il controllo del rischio.

Trading mobile: rischi e opportunità degli investimenti da smartphone

Investire utilizzando il proprio smartphone è una soluzione che comporta allo stesso tempo rischi e opportunità, caratteristiche da analizzare in modo accurato per prendere la decisione giusta. Negli Stati Uniti, ad esempio, la quotazione in borsa di Robinhood, app di trading presente solo sul mercato nordamericano, ha deluso gli investitori in quanto ritengono che il modello di business del broker potrebbe non essere sostenibile nel lungo periodo.

L’app, infatti, nel 2020 è stata multata dalla SEC per 70 milioni di dollari per mancanza di trasparenza, colpevole secondo l’Autorità USA di non informare correttamente i propri utenti sul modo in cui ottiene i suoi profitti. Ricavi che Robinhood realizza con la vendita degli ordini dei clienti a società di terze parti, una pratica che penalizza gli utenti con il rischio di pagare costi più elevati e consentire ad altre aziende di usare queste informazioni per trarne un vantaggio finanziario.

I principali rischi del trading mobile, infatti, sono proprio un’eccessiva gamification degli investimenti online e l’assenza di trasparenza da parte di alcuni operatori. Per questo motivo è fondamentale scegliere con attenzione l’app giusta, affidandosi solo ed esclusivamente a broker che offrono condizioni chiare e costi certi, con un modello di business che non compromette gli utenti meno esperti, ma garantisce a tutti un supporto adeguato.

Un aspetto importante da valutare è la qualità dell’offerta formativa, privilegiando quei broker che mettono a disposizione risorse e strumenti per migliorare le proprie competenze. Si tratta di una caratteristica essenziale nella scelta dell’intermediario, per fare trading mobile in modo consapevole seguendo un percorso di crescita professionale, approfittando della comodità delle app di trading online ma senza ridurre l’attenzione nei confronti della gestione del rischio e della formazione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter