Idee & Consigli

L’inflazione aggredisce i consumatori e le imprese

L’inflazione aggredisce i consumatori e le imprese
Idee & Consigli 22 Giugno 2022 ore 14:50

L'Italia è entrata nel 2022 con un anno di forte crescita e cambiamenti fondamentali, grazie alla ferma leadership del Primo Ministro Mario Draghi e ai fondi dell'UE.

È in corso un'iniziativa che capita una volta per generazione, finanziata per una parte di 191 miliardi di euro del piano di rilancio Covid dell'UE da 750 miliardi di euro, per affrontare la debolezza cronica del Paese e migliorare la sua traiettoria economica a lungo termine.

Vento economico sfavorevole in Italia ed Europa

Nonostante lo sforzo e le buone intenzioni, lo slancio accumulato nel 2021 è stato intaccato dall'impennata dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia, che stanno comprimendo i redditi delle famiglie e colpendo le piccole imprese.

L'Italia non è l'unica economia europea in difficoltà. Bruxelles ha abbassato le previsioni di crescita del PIL dell'UE per quest'anno al 2,7%, rispetto al 4% previsto a febbraio. L'inflazione è più alta nelle economie dell'Est, in Germania e nei Paesi Bassi.

Politica energetica miope degli ultimi decenni

Oltre a tutto questo, l'Italia dipende in larga misura dall'energia russa, il che la rende sensibile alla situazione in Ucraina.

"Alcune nazioni sono più vulnerabili di altre", ha dichiarato l'ex direttore generale del Tesoro italiano Lorenzo Codogno.

"Tra le nazioni principali, l'Italia è suscettibile agli alti costi dell'energia tanto quanto la Germania, se non di più... Si tratta di un enorme shock in termini di ragioni di scambio per i consumatori, che si traduce in un impoverimento dell'intero Paese".

Nemmeno le criptovalute o gli NFT sembrano essere immuni dalla situazione economica negativa. Nonostante tutto, le applicazioni di trading come EasyMarkets possono offrire delle alternative in questo ambiente altamente incerto.

Lo spettro del debito pubblico

Le preoccupazioni per le finanze italiane a lungo termine sono riemerse in seguito al rallentamento dell'economia e alle previsioni di un aumento dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea a partire da luglio. La posizione dell'Italia è fragile, con il secondo maggior rapporto debito/PIL dopo la Grecia e il maggior deficit pubblico di tutti i principali Paesi dell'Eurozona.

Generalmente, i mercati sono diventati più pessimisti.

Nelle ultime settimane, il divario tra il rendimento dei titoli decennali italiani e quelli tedeschi, considerato un indicatore delle preoccupazioni politiche ed economiche dell'area dell'euro, si è ampliato fino a raggiungere il valore più alto dai primi giorni della crisi, quando gli investitori hanno abbandonato il debito pubblico europeo a rischio.

L'Italia è impegnata in un percorso di consolidamento del bilancio. Il deficit di bilancio di quest'anno dovrebbe essere del 5,6%, in calo rispetto al 7,2% dell'anno precedente.

Gli economisti, d'altra parte, hanno messo in guardia sul fatto che una drammatica flessione della crescita metterebbe in dubbio il deficit.

"La dinamica non sembra ottimale se il PIL diminuirà molto", ha dichiarato Lucrezia Reichlin, docente di economia presso la London Business School. "Il mercato è diventato piuttosto negativo e molti si aspettano una recessione nel 2022".

Un vantaggio è rappresentato dall'inondazione di fondi UE per gli investimenti. Durante le serrate, gli italiani hanno anche accumulato risparmi superiori al solito, che ora possono essere utilizzati per mantenere i consumi. Tuttavia, il beneficio è destinato a svanire e il danno al reddito disponibile nei trimestri futuri dovrebbe essere "enorme", secondo Codogno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter