Sport

Rally, Top ten per la "strana coppia" a Scorzè

Scopel protagonista con il quinto tempo in prova al volante e Agostinetto in crescita (ritornato alla guida) portano la Skoda Fabia R5 al decimo posto.

Rally, Top ten per la "strana coppia" a Scorzè
Sport Monte Grappa, 25 Settembre 2019 ore 17:57

Rally, Top ten per la "strana coppia" a Scorzè. La strana coppia, quella composta da Roberto Scopel e da Ivan Agostinetto, colpisce ancora e si regala una decima piazza assoluta, al recente Rally Città di Scorzè, che racchiude molti più significati di quanto la classifica sia in grado di descrivere.

Un duetto tanto anomalo, in virtù dell'alternanza tra i ruoli di pilota e di navigatore, quanto legato da una profonda amicizia che ha portato la coppia trevigiana, nella loro ormai tradizionale reunion annuale, a concludere con un risultato gratificante, dato il parco partenti di prim'ordine.

Un ballo di apertura, quello con la Skoda Fabia R5, di Lorenzon Racing ed iscritta per i colori della scuderia Xmotors, che si è rivelato maggiormente positivo di quanto previsto alla vigilia.

Ivan corre soltanto una volta all'anno” – racconta Scopel – “e lo fa qui a Scorzè dove il parco partenti è sempre di un livello altissimo. Quest'anno, in R5, eravamo davvero in tanti, con tanti nomi illustri, e per questo il decimo posto assoluto è una sorta di vittoria per noi. Siamo felici.”

Gli fa eco un soddisfatto Ivan Agostinetto, al debutto assoluto sulla vettura della casa ceca.

Il nostro Città di Scorzè è andato benissimo” – sottolinea Agostinetto – “ed entrare nei dieci assoluti con una vettura di questo tipo, alla prima volta che la guido, ci rende particolarmente contenti. Non avrei mai immaginato, scorrendo l'elenco iscritti, di riuscire ad entrare nella top ten. Nonostante alcuni errori di guida, dovuti alla mia inesprienza, credo di essermela cavata abbastanza bene. È stata una bellissima esperienza e ci resterà un altro gran bel ricordo.”

Ad imbracciare il volante della Skoda Fabia R5 per primo, sulla speciale spettacolo “Base” disputata nel tardo pomeriggio del Sabato, ci pensava il pilota di Possagno mentre il compagno, da Saccol di Valdobbiadene, si calava nelle insolite vesti del navigatore.

Un mix che si rivelava vincente, il cronometro che sanciva la quinta prestazione assoluta, con un divario di soli nove decimi dallo scratch segnato da Andolfi, protagonista di livello mondiale.

Guidare la Skoda Fabia R5 è stata un'emozione unica” – racconta Scopel – “e, di questo, devo ringraziare Ivan, il quale mi ha fatto un grosso regalo. Posso dire che in queste tipologie di prove mi trovo abbastanza a mio agio. È uscito un bel risultato, assieme a tantissime emozioni.”

Alla Domenica, in un percorso caratterizzato da speciali molto corte altrettanto insidiose, Scopel tornava a dettare le note ad un Agostinetto che partiva cauto, prendeva le misure e si rendeva protagonista di una crescita costante, nell'arco della giornata, sino a centrare la decima piazza.

Ivan è stato bravissimo” – conclude Scopel – “perchè a Scorzè è molto facile commettere errori che possono rivelarsi fatali. Grazie ai fratelli Lorenzon, per una vettura perfetta, ed alla scuderia Xmotors, specialmente a Francesco Stefan”.

Scopel salta il Città di Bassano ma rilancia

Periodo di grande fermento in quel di Possagno, quando alle porte bussa il Rally Città di Bassano, evento che doveva vedere Roberto Scopel in gara, così come al precedente Rally della Marca, sulla Peugeot 106 Maxi Kit Car di Galiazzo.

Il pentolone delle idee ha iniziato a bollire ed ecco che il trevigiano ha deciso di saltare l'appuntamento con il Mundialito Triveneto per dedicarsi, anima e corpo, ai due prossimi impegni che lo vedranno protagonista, a partire dalla fine di Ottobre sino all'arrivo di Dicembre.

Da sempre riconosciuto per la sua sensibilità e per i suoi valori, nell'ambiente motoristico del Triveneto e non solo, sono nate le basi per dare vita alla prima edizione dello Scopel Day, evento a sfondo benefico che si terrà Domenica 27 Ottobre, nel cuore di Possagno.

L'appuntamento si terrà in coabitazione con il primo Memorial Lino Vardanega ed il ricavato sarà devoluto all'associazione Via di Natale, Centro Oncologico di Aviano.

Il nostro programma prevedeva la partecipazione al Bassano” – racconta Scopel – “ma quando è nata, grazie all'Amministrazione Comunale ed in particolare al Sindaco Valerio Favero, l'opportunità di dare vita ad un evento benefico, che ricordasse Lino Vardanega, non ho esitato a scegliere. Zio Lino avrebbe compiuto gli anni ieri, 23 Settembre, ed il suo ricordo è sempre vivo in tutti noi. Grazie alla collaborazione con Xmotors e Lorenzon Racing daremo vita ad una lotteria ed uno dei premi ad estrazione sarà la possibilità di sedersi al mio fianco, su una Skoda Fabia R5, per provare le emozioni di una vera auto da competizione. Non sarò un pilota professionista ma ci metterò il mio massimo per potervi far divertire. Un particolare grazie, di cuore, va anche ad Ivan Agostinetto che, in queste mie scelte, mi supporta sempre da vicino.”

I prossimi campi gara

Occhi aperti quindi sui prossimi campi gara e sul web dove saranno presto divulgate ulteriori informazioni in merito alla prima edizione dello Scopel Day, Memorial Lino Vardanega.

La seconda parte del 2019 riserverà un'altra ghiotta sorpresa per il pilota trevigiano, il quale si presenterà ai nastri di partenza, a Dicembre, del Rijeka Rally Ronde.

Sull'omonimo circuito croato Scopel tornerà al volante della Skoda Fabia R5 di Lorenzon Racing, iscritta per i colori della scuderia Xmotors, deciso ad ottenere un buon piazzamento.

Ad affiancarlo, sul sedile di destra, ritroveremo alle note Andrea Prevedello.

Sarà un finale di stagione marchiato Skoda” – sottolinea Scopel – “e, per questo, devo ringraziare di cuore, ancora una volta, Xmotors e Lorenzon Racing. Mi daranno in mano una delle loro Skoda Fabia R5 e ci presenteremo al via della Rijeka Rally Ronde. Si, lo so, correre in pista per i puristi del rally è praticamente equivalente a una bestemmia ma avevamo bisogno di scegliere un evento che non fosse troppo impegnativo e nemmeno troppo lungo. Sarà meno insidioso di un rally vero ed avremo maggiore serenità per cercare di prendere le misure alla Fabia R5. Io ed Andrea siamo pronti per divertirci, dando il massimo del nostro impegno. Ovvio che cercheremo di puntare anche ad un buon risultato. Siamo competitivi e vogliamo far bene.”