Eventi
Tempo libero

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 17 e domenica 18 dicembre 2022

Ecco una selezione di appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 17 e domenica 18 dicembre 2022
Eventi Treviso, 16 Dicembre 2022 ore 07:41

Gli appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo a Treviso e provincia. Ecco i nostri consigli per sabato 17 e domenica 18 dicembre 2022.

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 17 e domenica 18 dicembre 2022

VALDOBBIADENE. Mercatini di Natale

  • Domenica 18 dicembre

Domenica 18 Dicembre dalle 9 alle 17 in Piazza Marconi si svolgeranno i tradizionali Mercatini di Natale. 20 bancherelle e piccole produzioni locali saranno riunite in una giornata per grandi e piccoli con la giostra a catenelle, zucchero filato e presso la casetta della Pro Loco saranno distribuiti brûlé, the caldo, panettone e Valdobbiadene DOCG. Vi aspettiamo!

TREVISO. Visite guidate al Palazzo dei Trecento

  • Domenica 18 dicembre

Un edificio, nonché simbolo della città, dalla storia ricca di aneddoti e vicissitudini. Il palazzo fu costruito attorno al 1185 come sala per assemblee dei diversi organi del Comune di Treviso (Domus Comunis) sostituendo l’antico edificio nei pressi del duomo; il suo completamento risale al 1268, anno in cui fu portato a compimento anche un edificio attiguo adibito a carcere. Nel corso dei decenni il Palazzo fu sede del Tribunale dei Consoli, luogo di pubbliche assemblee (le concioni), luogo in cui il podestà amministrava la giustizia, sede del Maggior Consiglio, detto anche dei Trecento. Nel 1944 il palazzo fu poi vittima di un bombardamento che causò gravi danni alla struttura e agli affreschi del salone, tanto che inizialmente si prefigurò l’ipotesi della completa demolizione. Grazie all’intervento dell’allora soprintendente Ferdinando Forlati, si decise di procedere al restauro delle pareti superstiti e alla ricostruzione delle parerti irrimediabilmente crollate, della copertura e dei merli. Oggi Palazzo dei Trecento è ancora sede del Consiglio Comunale, oltre che prestigioso luogo di mostre ed esposizioni.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: https://eventi.venetosegreto.com/evento/palazzo-dei-trecento-simbolo-di-treviso/

TREVISO. Autunno musicale 2022: concerto “Mozart & Luchesi.

  • Sabato 17 dicembre

La quarta edizione di Autunno Musicale, festival diffuso, organizzato da Musincantus in collaborazione con il Comune di Treviso e le istituzioni culturali locali, si conclude con il concerto “Mozart & Luchesi. Suggestioni classiche” sabato 17 dicembre alle 20.45 alla Chiesa del Sacro Cuore di Treviso: si tratta del secondo appuntamento dedicato ai talentuosi musicisti trevigiani del passato e al loro rapporto con i grandi protagonisti della scena musicale internazionale, in particolare quello che vi fu tra Andrea Luchesi e Wolfang Amadeus Mozart, a lungo studiato e tutt’oggi controverso. Un omaggio alla tradizione del classicismo viennese, di cui il genio salisburghese fu uno dei massimi esponenti, realizzato grazie alla sinergia avviata con il Concorso musicale nazionale Città di Belluno.

Il progetto è la prima realizzazione di una coproduzione triennale con l’Ensemble corale Kairos Vox diretto da Alberto Pelosin di Castelfranco. Il cast è guidato da Giulia Semenzato, rinomata interprete mozartiana a livello europeo che proprio a Treviso iniziò la carriera con il Premio Toti Dal Monte, e dalla cantante Ester Ferraro, finalista del Concorso musicale nazionale Città di Belluno, composto poi dal tenore Jiangchen He, dal basso Alberto Spadarotto. Le musiche saranno dell’Orchestra GAV – Giovani Archi Veneti diretta da Alessandro Quarta, direttore e fondatore dell’ensemble vocale e strumentale Concerto Romano che si esibisce regolarmente in Italia, Austria, Germania, BeNeLux, Svizzera e Stati Uniti, ottenendo eccellenti critiche da parte della stampa, vincitore del Prix Caecilia 2015 per il CD Sacred music for the poor e del Diapason d’or nel 2016 per il cd La sete di Christo di Bernardo Pasquini.

Il programma inizierà con l’Intermezzo per archi Op.8 di Franz Schreker, compositore austriaco di fine Ottocento, e proseguirà il Concerto per organo e orchestra in Fa maggiore composto nel 1773 a Bonn da Andrea Luchesi, fertile compositore e organista nato nel 1741 a Motta di Livenza (Treviso) e Kapellmeister a Bonn dal 1774 al 1794 e maestro di Ludwig van Beethoven. Luchesi è noto anche come “il Mozart italiano” e il legame tra i due musicisti è documentato: le sonate e le altre opere strumentali del maestro trevigiano sembrano aver influito sul giovane Mozart, conosciuto a Venezia nel 1771, mentre era in viaggio con il padre. In particolare, il concerto che verrà proposto sabato 17 dicembre, occupava un posto importante nel repertorio didattico di Mozart. Si concluderà con i Vesperae solennes de Dominica, KV 321, una composizione corale di musica sacra per coro solisti, violini, due trombe, due timpani e basso continuo, scritta da Wolfgang Amadeus Mozart a Salisburgo su commissione dell’arcivescovo Hieronymus von Colloredo per uso liturgico nella cattedrale della città nel 1779 (il titolo “de Dominica” indica che l’opera fu concepita per esecuzione nei servizi liturgici domenicali).

Ingresso gratuito con offerta responsabile.

MONTEBELLUNA. Mercatini di Natale

  • Domenica 18 dicembre

L'amministrazione comunale di Montebelluna presenta il calendario delle iniziative in programma dal 3 dicembre all’8 gennaio. Un palinsesto ricco di eventi e di iniziative, con un focus specifico rivolto ai più piccoli, messo a punto dall’assessorato al Turismo, a quello della cultura peri consueti eventi di fine anno, assieme all’azienda esterna incaricata della gestione dei festeggiamenti e alla Pro loco, ai Servizi culturali che si occupano anche dell’aspetto turistico del Comune.

Il momento clou dell’apertura è fissato per sabato 3 dicembre alle 17.30 circa in Corso Mazzini dove sarà acceso l’albero principale alla presenza del sindaco e dei rappresentanti dell’amministrazione comunale, con allietamento musicale a tema ovviamente natalizio. Il Villaggio di Babbo Natale sarà aperto tutti i giorni fino all’8 gennaio 2023 e tutti i pomeriggi dei sabato e delle domeniche di dicembre e di giovedì 8 dicembre 2022 Babbo Natale accoglierà i più piccoli per un abbraccio o una foto e per ricevere le letterine con apposita cassetta postale. Nello stesso periodo in Piazza Sedese sarà aperta la pista da pattinaggio e in piazza D’Annunzio il Mini Lunapark.

In Corso Mazzini domenica 4 e sabato 10 dicembre e domenica 18 dicembre in piazza Oberkochen si terranno i Mercatini di Natale, sabato 17 dicembre il Mercatino Cose ritrovate in Corso Mazzini, domenica 18 dicembre in Corso Mazzini ci sarà il tradizionale mercato straordinario di Natale mentre giovedì 22, venerdì 23 e sabato 24 dicembre in Piazza Dall’Armi la manifestazione “Natale di gusto” con bancarelle e proposte enogastronomiche della tradizione. La Befana sarà presente invece il 5 ed il 6 gennaio 2023 per donare dolci e calzette ai piccoli.

Il 10, l’11, il 17 e il 24 dicembre le piazze saranno animate con bolle di sapone, laboratori, acrobati, clown ed elfette che aiuteranno i bambini a scrivere le lettere a Babbo Natale mentre MeVe e Museo propongono degli originali laboratori (Lettere di Natale, Staffetta di Natale dei Musei) oltre che l’ormai tradizionale “Child Room di Natale” dal 27 al 30 dicembre e dal 27 dicembre al 5 gennaio (chiuso il 2 gennaio), nei pomeriggi di vacanza la mostra “Futuro Agenda 2030”, al Museo Civico, si propone come uno spazio di incontro tra scienze, archeologia e giochi, dove “fare cose” e “vedere gente”.

Non mancheranno i tradizionali concerti: Concerto spettacolo a cura della Banda Musicale e Gruppo Majorettes “Città di Montebelluna” il 27 dicembre al Palamazzalovo, il concerto di fine anno a cura dell’Orchestra “G. Legrenzi” il 29 dicembre al Palamazzalovo e il “55° Concerto dell’Epifania” del Coro del Duomo Città di Montebelluna presso il Duomo il 6 gennaio 2023. L’attesa del nuovo anno e l’arrivo del nuovo sarà allietata anche quest’anno dal Capodanno in centro.

Inoltre, come ogni anno, in biblioteca proposte di Natale per tutte le età. Per grandi e piccoli saranno a disposizione manuali e libri illustrati con idee per decorare alberi e case per le Feste. Negli spazi dedicati a bambini e ragazzi saranno esposti albi illustrati, racconti e romanzi a tema e uno speciale calendario dell’Avvento tutto di libri. A dicembre sarà presentata anche la nuova selezione di libri “Se una notte d’inverno un lettore”, curata dalla rete BAM, con titoli da prendere a prestito in biblioteca o da utilizzare come suggerimento per i regali di Natale. Tutte da scoprire le decorazioni in biblioteca, curate dalla Cooperativa Vita e Lavoro di Montebelluna.

ZERO BRANCO. Spettacolo "Buffoni all'inferno"

  • Sabato 17 dicembre

Sabato 17 dicembre 2022, dopo il prodigioso debutto al Teatro Olimpico di Vicenza, Matteo Cremon, Michele Mori, e Stefano Rota porteranno in scena lo spettacolo Buffoni all’Inferno, per la regia e il soggetto originale di Marco Zoppello. L’evento, che continua la rassegna di prosa 2022/23 del Teatro Comisso di Villa Guidini, vede la collaborazione del Comune di Zero Branco con la Biblioteca comunale dello stesso, e Arteven, ed è realizzato con il sostegno della Regione Veneto, e il Ministero della Cultura.

Sabato 17 dicembre 2022, alle ore 21.00 presso il Teatro Comisso di Villa Guidini andrà in scena Buffoni all’Inferno, con Matteo Cremon, Michele Mori, Stefano Rota, e la regia di Marco Zoppello. La storia si svolge a Venezia, nel 1575. Un’epidemia di peste si porta all’altro mondo cinquantamila veneziani, un terzo degli abitanti della città lagunare, allora grande potenza del Mediterraneo. L’Ade è di colpo intasato e Minosse, impietoso giudice delle anime, è costretto a fare i salti immortali per esaminare le colpe di tutti. Le operazioni vanno a rilento, gli spiriti protestano, insorgono, volano insulti e qualche brutta bestemmia. Belzebù, con profonda saggezza, offre uno sconto di pena alle anime di tre buffoni, Zuan Polo, Domenico Tagliacalze e Pietro Gonnella, per tornare a fare ciò che in vita gli riusciva meglio: intrattenere. Lo spettacolo ripesca dall’antica arte del buffone, l’intrattenitore per antonomasia, il più devoto cultore dello sghignazzo.

Il soggetto originale di Marco Zoppello è stato costruito a partire dall’indagine sui racconti infernali e sui libelli basso corporei dal sentore mefitico tra il tardo medioevo e il rinascimento. Di diavoli e d’inferno ne sono ricolmi i fablieux francesi, così come I racconti di Canterbury di Geoffrey Chaucer, senza dimenticare l’Italia. Infatti, nella tradizione orale del nostro paese, si racconta di riti carnevaleschi nei quali si usava recitare il paradossale “testamento del porco” (e numerosi altri animali da cortile) in pubblica piazza, prima che l’animale diventasse la portata principale del pasto di martedì grasso.

A narrare questi episodi sono tre attori o meglio buffoni, comici, reietti, gente disposta a tutto per portare il riso. Lo fanno servendosi dell’arte buffonesca che partorì poi la grande tradizione dei comici dell’Arte dal Cinquecento in poi. Strambe figure, novelline, travestimenti grotteschi, cantari bislacchi, maschere demoniache e improvvisazioni oscene sono alla base de Buffoni all’Inferno, un decamerone buffo e tragico. Matteo Cremon, Michele Mori e Stefano Rota, interpreti d’esperienza, da anni proiettati verso il teatro popolare, la commedia dell’arte, il gioco più puro del teatro, hanno accettato la sfida di scavare tra testi, racconti dimenticati e tradizioni folkloristiche, alla ricerca nientemeno che del cuore dell’inferno. La rassegna proseguirà con appuntamenti di teatro e musica fino a sabato 4 marzo 2023, con lo spettacolo musicale Letizia va alla Guerra, con e di Agnese Fallongo e Tiziano Caputo.

BIGLIETTI
Intero € 19 / Ridotto* € 17 per Funeral Home, Sexmachine e Magazzino 18
Intero € 13 / Ridotto* € 10 per Buffoni all'inferno, Matteotti Medley e Letizia va alla guerra
Biglietto unico € 5 per Alberi e Senza Skei
Intero € 5/ Promo famiglia 4 biglietti a €15 per Paccottiglia Deluxe, Ravanellina e La
Principessa sul Pisello
* riduzioni valide over70 e under30
Prevendita online su MyArteven.it , Vivaticket.com e i relativi punti vendita.
Vendita il giorno dello spettacolo da un’ora prima presso Teatro Comisso di Villa Guidini.

VASCON DI CARBONERA. Appuntamento con l'Asino in famiglia

  • Sabato 17 dicembre

Sabato 17 dicembre (ore 15-17) tornano in Colonia Agricola a Vascon di Carbonera gli asini de La Casa di Lucia di San Biagio di Callalta con “Asino in famiglia”, appuntamento ludico rivolto a gruppi famiglia (massimo 5 persone) per far scoprire ai bambini la curiosità, l’intelligenza e l’affidabilità, ma anche la socialità degli asini, capaci di instaurare rapporti affettivi basati sulle affinità anche con gli umani.

Dopo l’apprezzatissimo incontro proposto in ottobre, una nuova occasione di contatto con la natura e di scoperta dell’ambiente per gruppi familiari, partendo dalla conoscenza degli asini e del loro comportamento. Luca, appassionato tecnico del trekking someggiato della Casa di Lucia, accoglierà i gruppi e presenterà loro gli asini, favorendo un approccio giocoso ed empatico con i quali i partecipanti potranno poi passeggiare tra i campi e gli ambienti naturali della tenuta di Alternativa Ambiente.

Costo: euro 20/gruppo. Posti limitati – solo su prenotazione

Informazioni e prenotazioni: cell. 388.8986305 (La Casa di Lucia)

COLONIA AGRICOLA è un’impresa sociale di Alternativa Ambiente Cooperativa Sociale che sviluppa soprattutto percorsi terapeutici, riabilitativi e di integrazione sociale di persone “fragili”, valorizzando le risorse agricole e ambientali del territorio e creando, allo stesso tempo, posti di lavoro e fatturato sociale.  L’impresa svolge la sua attività su quasi 5 ettari di terreno dove ogni anno vengono prodotte circa 50 tonnellate di ortaggi certificarti bio, acquistabili nella Bottega fresche o trasformate.

VALDOBBIADENE. Presepe Artistico di Valdobbiadene "Tra Poesia e Paesaggio"

  • Sabato 17 dicembre

Sabato 17 dicembre il Presepe Artistico di Valdobbiadene, aprirà le porte per ospitare i visitatori che vogliono ammirare uno dei presepi più grandi d’Italia. Giunto alla tredicesima edizione, il Presepio, che quest’anno ha come titolo “Tra Poesia e Paesaggio”, è realizzato interamente a mano dagli Amici del Presepio di Valdobbiadene, capeggiati dal professor Maurizio Ruggiero; ideatore e punto di riferimento di arte e cultura nel paese.

Quest’anno una delle novità, sarà la ricostruzione di Piazza San Marco di Venezia. Il Professor Ruggiero è infatti riuscito a coinvolgere i ragazzi della classe 3H del Liceo artistico “Veronese” di Montebelluna guidata dalle professoresse di progettazione architettonica Milela Achille e Maria Rosaria Lorusso, che hanno fatto uno studio su Giovanni Antonio Canal, meglio conosciuto come il Canaletto, e il Vedutismo: genere pittorico nato nel Settecento che si occupa di paesaggi o di città riprese dal vero.

Diversi gli scenari che ospitano le oltre cinquecento statuine realizzate anch’esse a mano. A partire dalla Natività, situata in mezzo alle rovine che rappresentano la caduta del Paganesimo e l’avvento del Cristianesimo. Gli Amici del Presepio hanno voluto esaltare quest’anno anche i borghi di Ron e Santa Lucia, con le loro costruzioni in sasso e le figure dei Cargadòr: coloro che anticamente caricavano i muli di fieno e legna facendo la spola tra l’abitato e le valli della montagna. Non mancano, ovviamente, le altre scene del Presepio con la piazza di Valdobbiadene le borgate e gli scorci più suggestivi che vanno a riempire il piano inferiore della prestigiosa Villa dei Cedri. Questa è, infatti, la sede che da alcuni anni ospita il Presepe Artistico di Valdobbiadene, messa a disposizione dall’amministrazione comunale di Valdobbiadene.

Le varie scene si susseguono all’interno di un percorso arricchito da decorazioni e pitture con motivi naturalistici, grazie anche all’intervento della professoressa Lorenza Tiralongo del Liceo Artistico “Veronese” di Montebelluna e collega del professor Ruggiero.

Ai piani superiori della villa, sarà anche possibile visitare la mostra d’arte di Mirella Sotgiu “Lo sguardo dei Sogni” che sarà aperta fino a domenica 29 gennaio.

Appuntamento quindi per sabato 17 dicembre, alle ore 16.00, in via Piva a Valdobbiadene nella storica Villa dei Cedri. Il Presepe sarà poi aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 fino a domenica 5 febbraio. Per chi preferisce, sarà possibile prenotare una visita tramite il sito https://www.presepevaldobbiadene.it

TREVISO. 53° Concerto di Natale con il Coro Stella Alpina

  • Sabato 17 dicembre

Il Coro Stella Alpina si prepara a celebrare le Feste con il 53° Concerto di Natale. Sabato 17 dicembre, alle 20.45, nel Tempio Monumentale di San Francesco di Treviso, si terrà il tradizionale evento – patrocinato dal Comune di Treviso - che ha scandito la storia del Coro, mosso da una grande passione per il canto e dai valori della solidarietà e dell’amicizia e che dal 1949 trasmette i valori e i canti della montagna. Quello di sabato sarà l’ultimo concerto da direttore di Diego Basso, alla “guida” del Coro dal 1990. Con il Maestro Basso e i 30 elementi del coro ci sarà l’organista Davide Furlan.

Seguici sui nostri canali