Eventi
Tempo libero

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 26 e domenica 27 marzo 2022

Ecco una selezione di appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo.

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 26 e domenica 27 marzo 2022
Eventi Treviso, 24 Marzo 2022 ore 12:16

Gli appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo a Treviso e provincia. Ecco i nostri consueti consigli per sabato 26 e domenica 27 marzo 2022.

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend

TREVISO. Treviso Marathon

  • Domenica 27 marzo 2022

Diciassettesima edizione della Treviso Marathon. L’appuntamento con i 42,195 km è per domenica 27 marzo 2022, ma l’evento si aprirà in realtà già giovedì 24 marzo, con l’Expo Natura che porterà nel centro storico di Treviso le eccellenze regionali per una corsa tutta da gustare. Confermati partenza in via IV Novembre e arrivo in Prato Fiera, con un percorso modificato che di fatto sarà più veloce, con meno curve in città e meno sterrato, che dai 12 chilometri del tracciato 2019 è stato ridotto a tre. Ma oltre alla maratona internazionale, ci sarà spazio anche per grandi e piccini, per le famiglie, per chi non è un runner professionista, per i camminatori e per i curiosi che vorranno mettersi alla prova con due corse alla portata di tutti, la Radio Company Ten Miles di 16 chilometri e la Radio Wow Run! di 7 chilometri.

La Treviso Marathon di quest’anno, dopo due anni di stop a causa del Covid, vuole essere più di una corsa, vuole essere una grande giornata di sport che abbraccia la città di Treviso e gli altri cinque comuni coinvolti (Silea, San Biagio di Callalta, Roncade, Casale sul Sile, Casier) tappa fondamentale per la ripartenza del podismo e un viaggio verso il ritorno alla normalità. Al via sono attesi oltre 2000 partecipanti, tra maratona Fidal (oltre 1000), Radio Company Ten Miles e Radio Wow Run! (oltre 1000, con iscrizioni ancora aperte fino ad esaurimento disponibilità venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 marzo in Prato Fiera).

TREVISO E PROVINCIA. Giornate Fai di Primavera

  • Sabato 26 e domenica 27 marzo 2022

Sabato 26 e domenica 27 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera, il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Oltre 700 luoghi solitamente inaccessibili o poco conosciuti in 400 città saranno visitabili a contributo libero, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, grazie ai volontari di 350 Delegazioni e Gruppi FAI attivi in tutte le regioni (elenco dei luoghi aperti e modalità di partecipazione consultabili su www.giornatefai.it; per molti luoghi, soprattutto nelle grandi città, è consigliata la prenotazione online perché garantisce l’accesso alla visita).

Sono oltre quaranta i luoghi aperti In Veneto per la più grande festa di piazza dedicata al patrimonio culturale italiano

«Le GFP sono la straordinaria iniziativa del FAI che ha lo scopo, attraverso la conoscenza, di valorizzare il nostro patrimonio. Le Giornate di Primavera sono un’occasione imperdibile perché si potrà accedere in luoghi mai visti prima, anche grazie alla generosità di tanti privati che apriranno le loro case per questo appuntamento- ha sottolineato Ines Lanfranchi Thomas, presidente del FAI Veneto- Quello che sta succedendo in Ucraina non ci consente di provare la gioia che questo festeggiamento porta con sé ma visitare così tanti beni come succederà nel prossimo week end, ci farà sentire più uniti e più consapevoli della nostra storia».

Treviso

In città, in occasione delle Giornate FAI di Primavera con prenotazione obbligatoria sarà eccezionalmente visitabile, a cura della Delegazione FAI, Palazzo Zuccareda, costruito nella seconda metà del XVI secolo, normalmente chiuso al pubblico perché da settant’anni sede provinciale dell’Arma dei Carabinieri.

Costruito su quattro piani, sul lato interno il palazzo conserva il grande cortile privato con ingresso da via Inferiore. La facciata di via Cornarotta, con ampio portale centrale, è coronata da una trabeazione dorica nella quale triglifi, in stucco e marmorino, e metope, dipinte a monocromo, con clipei con ritratti virili si alternano a finestre circolari che danno luce alle soffitte. La facciata verso il cortile ripropone la stessa ripartizione della facciata principale e nei clipei delle metope sono affrescati ritratti degli imperatori romani. La superficie era tutta affrescata con la Storie di Eros e Psiche, ora conservata in modo frammentario. Nell'interno al primo piano una sala è decorata da stucchi del XVIII secolo, con cornici che racchiudono specchi e quadri ad olio nelle pareti. Sopra le porte altri dipinti ad olio. Una seconda sala conserva dipinti nelle pareti realizzati a guazzo su carta applicata a tela, raffiguranti paesaggi e figure in costume settecentesco.

In provincia, a Fontanelle sarà aperta al pubblico Villa Galvagna Giol, immersa nel grande parco secolare e, come un'isola, affacciata sul lago alimentato dal fiume Lia che ne segna i confini e che la separa dalla chiesa di San Giacomo di Colfrancui. La facciata che guarda il lago, contrariamente a quella più classica e antica verso la strada e a sud-est verso la chiesa, fu costruita in stile neogotico romantico, con le finestre ed i balconi in pietra d'Istria ed i merli a coda di rondine sul tetto, ed è forse uno degli unici esempi rimasti in questo stile, omaggio alla moda romantica dell'epoca. Il parco secolare è stato disegnato dal Bagnara agli inizi del XIX secolo secondo la moda romantica dell'epoca e conserva piante centenarie catalogate come tra le più rappresentative nella loro specie.

Da non perdere, a Pieve di Soligo, l’itinerario preparato dalla Delegazione Fai di Treviso dedicato ai luoghi della poesia di Andrea Zanzotto. La partenza è prevista dal cortile interno del Municipio, piazza Vittorio Emanuele II dove di recente sono state collocate due significative opere degli artisti Elio Armano e Mario Martinelli. La visita si snoderà poi attraverso le storiche contrade del centro, Borgo Stolfi, Cal Santa e i Palazzi Classi Morona, e lungo le sponde del fiume Soligo, fino alla casa natale del poeta, ora Fondazione e Museo. Lungo il percorso verrà data lettura di testi e poesie, con particolare attinenza ai luoghi che hanno ispirato il poeta.

Con prenotazione obbligatoria e numero di posti limitatissimi è la visita speciale alla casa paterna di Andrea Zanzotto, tipico esempio di architettura veneta della metà dell’800. Si entra nella proprietà attraverso un sottoportico impreziosito dalla presenza di studi per affreschi del padre Giovanni, di professione pittore e decoratore e, dopo aver percorso un piccolo giardino, si arriva all’abitazione, incastonata nella cortina edilizia del borgo. La Casa si sviluppa su tre livelli e presenta una sequenza di piccoli ambienti decorati dallo stesso padre di Zanzotto.

San Biagio di Callalta sarà, infine, aperta la Chiesa di San Sisto ora Del Redentore, situata sulle rive del fiume Nerbon, in un ambiente pressoché incontaminato del territorio trevigiano. Le prime notizie della Chiesa si hanno in un documento del 1231, anche se non è escluso che si possa retrodatare la sua fondazione di alcuni secoli. Lo schema planimetrico è a navata unica con abside circolare. Quest'ultima appare come la parte più antica, sorta su diversi blocchi di pietra che per dimensione e materia sono uguali a quelli che continuano ad emergere dal tracciato della strada romana Claudia Augusta. Completa l'edificio un piccolo campanile addossato all'abside con una guglia a forma di cipolla, tipologia successiva alla costruzione della chiesa. Sulla parete esterna di mezzogiorno compare un affresco riferibile al XV secolo. Nel semicerchio interno dell'abside, nel 1977, sono stati messi in luce degli affreschi databili il quarto decennio del XV secolo.

Elenco dei luoghi aperti, modalità di partecipazione e prenotazioni su:

https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghi-aperti/?provincia=TREVISO

TREVISO. City booming Treviso - un'esplosione di mattoncini 

  • Sabato 26 e domenica 27 marzo 2022 - Dalle 10.00 alle 19.00

La mostra CITY BOOMING non si ferma! Prorogata fino al 19 aprile + ogni weekend workshop LEGO® dedicati a genitori e figli!

Nel cuore di Treviso, è arrivata la più grande città al mondo costruita da oltre 7 milioni di mattoncini. Un enorme diorama di 60 metri quadri. Una metropoli colorata, riprodotta nei minimi particolari con edifici, luci, strade, abitata da 6.000 minifigure, e da moltissimi supereroi, tutti da scoprire. Una mostra per tutte le età dove… non si sa chi accompagna chi.

I nuovi orari

La proroga si estenderà durante tutti i weekend con orario 10.00-19.00 e apertura straordinaria nei giorni lunedì 18 e martedì 19 aprile, sempre con lo stesso orario. L’intenzione della società LAB Literally Addicted to Bricks di Wilmer Archiutti e di Giuliamaria e Gianmatteo Dotto Pagnossin, è quella di diffondere, in questo periodo particolarmente difficile e sentito per tutti, un po’ di gioia, svago e divertimento a tutti, con una delle esposizioni di mattoncini LEGO® che producono da quasi 10 anni, perché ricordiamoci, i lego non hanno età: appassionano grandi e piccoli!

Per rendere la visita ancora più piacevole e interattiva, è stata ideata una caccia al tesoro, dove mettere alla prova le abilità di osservatori, con l’obiettivo di aguzzare la vista e trovare tutte le risposte all’interno dell’enorme diorama di 60 metri quadri.

Orari:

  • Sabato e Domenica: dalle 10.0 alle 19.00

Ingresso:

  • Biglietto intero: € 7,00
  • Biglietto ridotto: € 4,00 - ridotto over 70, under 18, studenti universitari fino a 25 anni (con tesserino identificativo), militari e appartenenti alle forze dell’ordine, convenzioni mostra, disabili (accompagnatore gratuito)
  • Gratuito: bambini fino ai 5 anni non compiuti

Prevendite online su ciaotickets.com:
https://www.ciaotickets.com/biglietti/city-booming-treviso

Sito Internet: www.bricklab.net
Hashtag ufficiale: #cityboomingtreviso
Pagina Facebook: LABLiterallyAddictedtoBricks (https://www.facebook.com/LABLiterallyAddictedtoBricks/)

PIAZZA DEI SIGNORI A TREVISO: APERTO IL TEMPORARY STORE GUSTARTIGIANO

  • Sabato 26 e domenica 27 marzo 2022 dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20

Uno spazio esclusivo nel quale poter acquistare le eccellenze alimentari artigianali al civico n. 17 di piazza dei Signori a Treviso.

Nel temporary store di Confartigianato Imprese Treviso, nel salotto buono della città nove imprese socie di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana proporranno e venderanno i loro prodotti. Leccornie dolci e salate, che spaziano dalla pasticceria alla gastronomia, dalla birra alla cioccolateria senza trascurare insaccati e formaggi, realizzate con materie prime di assoluta qualità, per soddisfare i palati più esigenti e raffinati, confezionate nel rispetto della tradizione da professionisti esperti, aperti all’innovazione e sempre alla ricerca di nuove combinazioni per arricchire la varietà dell’offerta.

Un viaggio fatto di sapori, un’opportunità per riconoscere la genuinità, un insieme di competenze destinate a contaminarsi per divenire un modello per la crescita di un settore strategico per l’identità territoriale.

VENETO. Giornata regionale per i Colli Veneti!

  • Domenica 27 marzo 2022

Domenica 27 Marzo si celebra la GIORNATA REGIONALE PER I COLLI VENETI! Per la prima edizione della festa che valorizza il patrimonio dei territori collinari veneti, la Regione ha organizzato insieme a Unpli Veneto Pro Loco un grande evento diffuso su tutto il territorio: escursioni, visite guidate, degustazioni di prodotti tipici e tante altre iniziative...

Per maggiori info:
https://www.unpliveneto.it/.../giornata-regionale-colli.../

CASTELFRANCO VENETO. Artigianato in centro

  • Domenica 27 marzo 2022 - Dalle 9.00 alle 19.00

Pronti a ripartire ! Domenica 27 Marzo ritorna "Artigianato in Centro", dentro al castello, dalle 09 alle 19. Vi aspettiamo.

CASTELFRANCO VENETO. Reka Nyari. Ink Stories

  • Sabato 26 e domenica 27 marzo 2022

Arriva a Castelfranco Veneto direttamente dal museo DART della Permanente di Milano la mostra fotografica Ink Stories di Reka Nyari. Una selezione di 15 opere che fanno parte di un progetto di ritrattistica che è tuttora in corso e che l’artista ha presentato nel 2017 con la sua prima personale a New York, Geisha Ink. Inaugurazione della rassegna venerdì 11 marzo.

Un progetto che ha come focus lo studio sull’identità personale e l’emancipazione femminile attraverso la ritrattistica nuda. In esposizione fotografie in bianco e nero su larga scala e tre opere digitali in NFT che hanno come soggetti nudi femminili con corpi ricoperti di tatuaggi.

«Negli ultimi anni - racconta l’artista in un’intervista pubblicata su Art Master, periodico d’arte edito da Masterpieces Group - ho lavorato alla mia serie Ink Stories, che ritrae donne di tutto il mondo completamente tatuate e racconta storie di vita disegnate sulla loro pelle. Ho sempre amato realizzare ritratti e mi sono interessata all’arte del tatuaggio. I tatuaggi sono un modo così bello, definitivo, artistico e ribelle di rivendicare il proprio corpo, spesso funzionando come terapia per trasformare la vita e l’aspetto di una persona. Possono essere emblemi di forza, promemoria di coraggio e guide per un percorso migliore della vita».

Le opere di Reka Nyari sono state esposte in numerose gallerie negli Stati Uniti e in Europa, la mostra di Milano è stata la prima in Italia e fa tappa anche a Castelfranco Veneto grazie all’impegno di Masterpieces Group che ha deciso di ospitarla nella sua sede all’interno di Palazzo Spinelli-Guidozzi.

«La donna è il fulcro del mondo: è creazione, è amore, è dolcezza ma anche forza, vitalità, unione, rinnovamento», spiega Sara Longo, direttore eventi di Masterpieces Group. «La figura della donna è così potente che da sempre viene messa in discussione proprio per cercare di sminuirne la potenza. È per celebrare questo essere così importante che abbiamo scelto di portare nella nostra sede di Castelfranco Veneto una mostra di Reka Nyari che ‘parla’ di donne che si raccontano attraverso il proprio corpo».

Metà finlandese e metà ungherese, l’artista è nata a Helsinki e ha vissuto a Budapest per alcuni anni prima di trasferirsi definitivamente a New York nel 1997. Ha vinto il primo premio al Miami Photo Center Vision Excellence Awards nel 2018 e all’International Photography Awards (IPA) nel 2010, categoria Beauty Pro. La sua monografia di 225 pagine intitolata Femme Fatale: Female Erotic Photography è pubblicata in 6 lingue ed è sold out in tutto il mondo.

La Finlandia è la patria della sauna e Nyari è cresciuta con un approccio non sessualizzato e naturale alla nudità e al corpo femminile, approccio che emerge chiaramente dalle sue opere:

«La nudità non è sinonimo di pornografia o sessualità. Questo aspetto è molto importante nel mio lavoro», spiega. Ink Stories è immaginario femminile senza limiti: i racconti di quattro donne e di come hanno risposto alla lotta e al dolore. La storia di come hanno cambiato la loro vita, trasformandola in quello che volevano, della loro resilienza.

«Tutti i tatuaggi sono reali - spiega Nyari - e ogni serie che ho realizzato racconta le storie intime e vere dei miei soggetti. Conosco bene ognuna delle donne prima di scattare. Penso agli scatti come a una collaborazione, a un trasferimento di energia tra me e il mio soggetto».

Reka Nyari ama fotografare il tipo di donne che vuole essere: «forti, belle, potenti e responsabili della loro vita e della loro sessualità». Le quattro donne fotografate dall’artista sono unite dal fil rouge dell’indipendenza e del potere. Ognuna è l’eroina di una storia di auto-emancipazione, riconciliazione con i propri traumi, una storia raccontata sulla loro pelle. In quest’ottica i tatuaggi diventano simboli di vigore e trionfo, simboli di come hanno trasformato la loro mente trasformando la loro pelle.

La mostra si sviluppa in quattro sezioni.

  • Geisha Ink - 2015 - Geisha Ink è Ginzilla, una giovane donna nata in una famiglia tradizionale giapponese dai valori conservatori intransigenti. I suoi atti di ribellione sono scritti in modo permanente sul suo corpo.
  • Blooming Ink - 2019 - Charlotte, la protagonista di questa sezione, ha avuto a che fare con un’estrema timidezza e ansia sociale per tutta la sua vita, che l’ha portata a ritirarsi in se stessa. Affascinata dalla bellezza dei tatuaggi, ha avuto l’idea di ricoprire tutto il suo corpo di inchiostro. Il suo corpo è un’opera d’arte completa.
  • Blooming Ink NFT -2021 - Alcuni ritratti animati che l’artista ha sviluppato come NFT.
  • Punctured Ink - 2021 - In questa serie l’artista lavora attraverso un processo di perforazione della superficie di ogni stampa che, a differenza della pittura e del disegno, crea fori in rilievo che lasciano un risultato permanente, proprio come fa un tatuaggio sulla pelle.

INFORMAZIONI

Reka Nyari. Ink Stories
11 marzo – 29 maggio 2022
Orari di apertura

  • Venerdì 11 marzo: solo su invito
  • Sabato 12 e domenica 13 marzo: 10,00 – 12,00/ 14,00 – 19,00 (entrata libera)
  • Da lunedì 14 marzo: visita su appuntamento. In caso di presenza in sede del team Masterpieces Group l’entrata sarà libera senza necessità di appuntamento.

Per info e prenotazioni visite: info@masterpiecesgroup.com. Ingresso gratuito

CONEGLIANO. Ambulanti di Forte dei Marmi

  • Domenica 27 marzo 2022 - Dalle 8.00 alle 19.00

Tanta voglia di leggerezza e normalità nell’aria ed ecco finalmente arrivare "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®"! Il mercato di qualità più famoso d’Italia torna a grandissima richiesta a CONEGLIANO in uno speciale appuntamento con tutto il meglio del Made in Italy artigianale e le ultime tendenze della moda.

Le ormai mitiche “boutique a cielo aperto” dell’originale Consorzio saranno domenica 27 marzo a CONEGLIANO nelle centralissime Viale Carducci e Corso Vittorio Emanuele II. Dunque, una giornata da non perdere assolutamente per i tanti appassionati del genere, con un mercato di qualità che sarà come sempre all’insegna dello shopping più glamour e conveniente, con orario continuato, anche in caso di maltempo, dalle 8 alle 19, e nel rispetto scrupoloso dei protocolli sanitari.

MONTEBELLUNA. Domenica Ecologica

  • Domenica 27 marzo 2022

E’ in programma per domenica prossima la seconda Giornata ecologica a Montebelluna con la chiusura al traffico nel centro cittadino. Nell’occasione sono previste varie iniziative a tema sportivo, a partire dal 1° Memorial Marco Montagner

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter