Eventi
Tempo libero

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 7 e domenica 8 maggio 2022

Ecco una selezione di appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo.

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: gli eventi di sabato 7 e domenica 8 maggio 2022
Eventi Treviso, 05 Maggio 2022 ore 07:39

Gli appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo a Treviso e provincia. Ecco i nostri consueti consigli per sabato 7 e domenica 8 maggio 2022.

Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend

TREVISO. Treviso in Rosa

  • Domenica 8 maggio 2022

Ci sono le campionesse dello sport. Ci sono le donne della politica, l’esperta di galateo e la scrittrice di romanzi. C’è chi racconterà la propria esperienza con la malattia e chi ricorderà l’amica che non c’è più.  Treviso è pronta a colorarsi di rosa per l’8^ edizione della grande kermesse al femminile che domenica 8 maggio, dopo l’appuntamento solo virtuale del 2020 e quella compresso dai protocolli anti-covid del 2021, tornerà a riempire la città di sorrisi e voglia di stare insieme, di condivisione e solidarietà.

I numeri, considerato il momento, sono incredibili: le iscrizioni - tutte, rigorosamente, al femminile – sono vicine a quota settemila (6.871 il dato aggiornato a lunedì), ma le adesioni saranno possibili sino a giovedì 5 maggio e, con altri tre giorni di tempo, non è da escludere che alla fine l’evento possa avvicinare, se non raggiungere, la quota di 8 mila iscritte.

Organizzata dalle società sportive Trevisatletica e Corritreviso, in partnership con la sezione trevigiana della LILT, la Lega italiana contro i tumori, Treviso in rosa – presentata oggi in municipio - si conferma appuntamento atteso, non solo dalle donne trevigiane: le iscritte, infatti, arrivano da nove regioni (Sicilia e Puglia comprese) e 28 province. Saranno ai nastri di partenza, per una domenica senza fretta, anche l’azzurra del mezzofondo Giulia Viola (sette volte campionessa italiana, quattro volte finalista agli Europei), la velocista Samantha Zago, astro nascente di Trevisatletica, due volte finalista ai Campionati Europei under 23 del 2021. E poi l’ex ciclista Diana Ziliute (bronzo olimpico a Sydney 2000, oro ai Mondiali di Valkenburg 1998). Correranno e cammineranno anche Gloria Tessarolo (assessore alle Politiche Sociali, Famiglia e Disabilità del Comune di Treviso) e Linda Tassinari (assessore alla Rigenerazione Urbana e Riqualificazione Quartieri del Comune di Treviso), oltre al sindaco di Ponte Piave, Paola Roma. Si sono iscritte inoltre Giuliana Meneghetti, ex responsabile del Cerimoniale della Provincia di Treviso, che oggi tiene corsi di Galateo nell’Abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia, luogo in cui quest’opera fu scritta da Monsignor Della Casa nel 1549, e Caterina Perali, trevigiana d’origine, scrittrice di romanzi come “Le affacciate” (2020), oltre che autrice televisiva e collaboratrice per riviste di teatro e food and beverage.

Tra le partecipanti ci sono anche 13 ottantenni e tantissime giovani. Tanto giovani (ad esempio, Virginia, che compirà tre mesi venerdì) che a volte prenderanno parte a Treviso in rosa sul passeggino spinto dalla mamma. Ci sono anche sei casi in cui il pettorale porterà scritto due nomi: quello della mamma in dolce attesa e del bambino che nascerà. Sono Sabrina con Eleonora, Elena con Federica, Silvia con Ludovico, Eli con Nadia Christine, Monia con Davide, Greta con Stiui.

Credit RADINI

IN PALESTRA CON LA LILT – La domenica di Treviso in rosa avrà, come sempre, anche un obiettivo concreto, condiviso con la LILT di Treviso. Parte del ricavato dell’evento sarà destinato all’acquisto delle attrezzature necessarie per arredare e rendere pienamente funzionante la palestra riabilitativa nella nuova sede dell’associazione, in via Venzone a Treviso. Ogni anno, oltre duemila malati oncologici si rivolgono alla LILT di Treviso per affrontare la malattia. Grazie al coinvolgimento di circa 800 volontari, l’associazione offre un sostegno basato su attività di prevenzione, formazione, riabilitazione, fisioterapia, animazione per i più piccoli, senza dimenticare i servizi di trasporto pazienti, dermopigmentazione e consulenza alimentare. La grande famiglia di LILT Treviso ha, in via Venzone, una nuova sede di mille metri quadri e cinque ambulatori, in cui i volontari, figure professionali come medici, psicologi e fisioterapisti, i malati e i loro cari possono incontrarsi e vivere al meglio i momenti che li uniscono. Nella nuova sede vi è anche la disponibilità di una palestra riabilitativa, che i fondi raccolti dall’edizione 2022 di Treviso in rosa contribuiranno a rendere pienamente operativa.

VINCE LO SPIRITO DI SQUADRA - Sono 53. E il nome è già un programma: “Ca’ Foncelle in rosa!!!”. Scritto proprio così, con tre punti esclamativi, per sottolineare l’entusiasmo che accompagna la partecipazione a Treviso in rosa. Il gruppo - uno degli 86 sodalizi spontanei che risultano iscritti all’evento di domenica 8 maggio - è formato da medici e infermiere del blocco operatorio dell’Ospedale Ca’ Foncello. Alla Treviso in rosa 2022 si sono iscritte anche palestre, aziende, interi corsi di yoga, pilates e zumba. C’è il gruppo del Pronto Soccorso di Treviso. E quello della Croce Rossa. Ci sono scuole, come l’istituto comprensivo Casteller di Paese. E poi le “Amiche del Duca”, un gruppo formato da insegnanti e allieve della scuola che sorge proprio nelle vicinanze della partenza di Treviso in rosa. Si è anche iscritto un gruppo di pattinatrici: sono le donne della Future Inline Asd, ben 48 tutte con i pattini ai piedi, guidate dall’ex campionessa mondiale di pattinaggio corsa Erika Zanetti.  Andreea Corina Surugiu, romena d’adozione moglianese, è invece il punto di riferimento del gruppo Kangoo Jumps, che parteciperà a Treviso in rosa con le scarpe da rimbalzo (una speciale calzatura con una specie di molla sotto la suola) di una nuova e divertente disciplina che tanti benefici apporta al fisico e alla mente.

DI CORSA AL MUSEO – Nel weekend di Treviso in rosa, sabato 7 e domenica 8 maggio, l’ingresso al Museo Santa Caterina, a Treviso, sarà gratuito per tutte le donne.

IL PERCORSO – La partenza di Treviso in rosa avverrà alle 9.30 da viale Bartolomeo d’Alviano, ai piedi delle Mura. Per Treviso in rosa è un ritorno al passato, dopo che le ultime due edizioni (2019 e 2021) erano scattate da Piazzale Burchiellati. Lo start sarà unico, così come il percorso: 7 km, interamente in centro storico, toccando gli angoli più suggestivi della città: da Piazza dei Signori a Piazza Duomo, da Piazza San Vito e Piazza Santa Maria dei Battuti a Riviera Santa Margherita. L’ultimo tratto del percorso sarà sopra le mura. Traguardo in prossimità del Bastione San Marco, dove sarà posizionato il ristoro finale. E dove la festa proseguirà a oltranza, animata dai deejay di Radio Company, media partner radiofonico ufficiale di Treviso in rosa 2022, e dai tanti espositori presenti nel village dell’evento. Strade e piazze della Treviso in rosa 2022: Viale Bartolomeo D’Alviano (partenza) > viale Fra’ Giocondo > Viale Burchiellati > Via Manzoni > Via Sant’Agostino > Via Carlo Alberto > Via G. Bergamo > Via Gualpertino da Coderta > Via Sant’Agata > Piazza Santa Maria dei Battuti > Piazza San Leonardo > Via Martiri della Libertà > Piazza Borsa > Via Manin > Via Battisti > Piazza Duomo > Via Calmaggiore > Piazza dei Signori > Piazzetta Aldo Moro > Piazza Indipendenza > Piazza Monte di Pietà > Via San Vito > Piazza San Vito > Via Municipio > Piazza Trentin > Via Roggia > Via Canova > Via San Liberale > Via D’Annunzio > Via delle Absidi > Via San Nicolò > Piazza Vittoria > Viale Cadorna > Corso del Popolo > Riviera Santa Margherita > Via Santa Margherita > Riviera Garibaldi > Piazza Garibaldi > Via Tolpada > Piazza Santa Maria Maggiore > Via Carlo Alberto > Via Stangade > Piazza Matteotti > Borgo Mazzini > Mura > Bastione San Marco (arrivo).

CONTO ALLA  ROVESCIA – Mentre è a buon punto l’assegnazione dei kit di partecipazione agli 86 gruppi iscritti a Treviso in rosa, già iniziata da qualche giorno, comincia anche il conto alla rovescia in vista della distribuzione del materiale alle partecipanti che si sono iscritte alla manifestazione a titolo individuale. L’appuntamento è per sabato 7 maggio, al Bhr Treviso Hotel (via Postumia Castellana 2, Quinto di Treviso), tradizionale quartier generale dell’evento. La distribuzione inizierà alle 9 e proseguirà senza sosta sino alle 17. Per chi arriva da più lontano sarà possibile ritirare il kit di partecipazione anche domenica 8 maggio, in zona partenza sulle Mura, dalle 8 alle 9.

TREVISO. Streeat® - Food Truck Festival

  • Da venerdì 6 a domenica 8 maggio 2022

Da Venerdì 6 a Domenica 8 Maggio STREEAT® ritorna nel verdissimo Ippodromo Sant'Artemio di Treviso con la carovana dei migliori FOOD TRUCK d'Italia!

Per 3 giorni riempiremo l'Ippodromo con colori, odori e sapori unici provenienti da tutto il bel paese, oltre a ottime birre artigianali e la selezione musicale curata da Claudio Trotta della storica Barley Arts!  Tantissimi Street Food provenienti da ogni dove e proposti da ape car, carretti, furgoncini, biciclette, roulotte, moto e rimorchi allestiti con piastre, forni, friggitrici e griglie roventi. Gustosi, freschi, genuini e al giusto prezzo.

ORARI

  • VENERDì 6 MAGGIO : 18:00 – 01:00
  • SABATO 7 MAGGIO : 11:00 – 01:00
  • DOMENICA 8 MAGGIO : 11:00 – 01:00

TREVISO. Giostra a cavalli in piazza dei Signori

  • Sabato 7 e domenica 8 maggio 2022

Da martedì 3 maggio 2022 a lunedì 30 maggio 2022, dalle 10:00 alle 20:00, presso Piazza dei Signori, Piazza dei Signori. Ingresso: a pagamento.

PONZANO VENETO. Va a fare il Pic-Nic

  • Domenica 8 maggio 2022 - Dalle 11.00 alle 17.30

Giorno Domenica 8 Maggio, dalle 11.00 alle 17.30, al Parco Urbano di Ponzano Veneto, nei pressi di Via Ruga, si svolgerà un Pic-Nic all’insegna del divertimento di grandi e piccini. Il gruppo “Amici del Parco” insieme alla Proloco cittadina organizzano, con il gentile Patrocinio del Comune di Ponzano Veneto, un Pic-Nic pieno di sorprese.

In mattinata si svolgerà la ‘’Premiazione del concorso fotografico-Sapori e colori di Primavera’’. Durante la giornata il formidabile spettacolo di bolle degli artisti del ‘’Luna Park di bolle di sapone’’, I palloncini di Marco, truccabimbi con Tata Monella, baby-dance, giochi con gli scout e bellissimi laboratori creativi. Inoltre avremo con immensa gioia, le letture animate in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Ponzano Veneto, con la partecipazione delle staffette del Progetto ‘’Qui si legge’’ e delle lettrici di ‘’Storie in valigia’’. La giornata si concluderà in allegria con la visita della mascotte di Topolino.

Tantissime golosità dolci e salate, tra cui fragole, pop-corn, zucchero filato, frittelle, gelati e tantissimo altro. Saranno vietati fuochi e barbecue, gradita la presenza in bici e il parcheggio auto in via xxv Aprile presso il Palacicogna. Ci saranno a disposizione i bagni pubblici. Si ringraziano per il contributo tutti i gentili sponsor. Tutte le attività sono assolutamente gratuite, basta portare semplicemente un plaid e il pranzo a sacco. Durante la giornata si raccoglieranno i fondi da destinare al miglioramento del Parco Urbano.

CASTELFRANCO VENETO. Castelfranco Street Food Festival

  • Sabato 7 e domenica 8 maggio 2022 - Dalle 10.00

Torna il Castelfranco Street Food Festival: cinque giorni di delizie tutte da gustare, presso il piazzale dell'ex Foro Boario di Castelfranco Veneto. Quest'anno saranno presenti Food Truck di fama nazionale ed internazionale, che proporranno le loro particolari specialità gastronomiche e vini pregiati. Anche i palati più esigenti saranno soddisfatti! Dalle tradizionali tigelle emiliane agli abruzzesi arrosticini, passando per le birre artigianali e i migliori vini: questo e molto altro arricchirà l'atteso Festival castellano dal sapore street.

Eccezionali Cooking Show ed esibizioni di musica live arricchiranno le serate castellane. Non mancheranno Dj Set e artisti di strada, che sapranno far ballare e divertire tutti i partecipanti.

Novità 2022 il concorso fotografico-social: controlla tutti i furgoncini per trovare il camion-vela di Castelfranco Street Food Festival, scatta una foto e tagga la pagina ufficiale dell'evento! Potrai vincere un dissetante premio al Drink point allestito nello spazio del Festival. L'appuntamento è da mercoledì a venerdì dalle 18.00 alle 01.00, sabato e domenica dalle 10.00 alle 01.00

CASTELFRANCO VENETO. Visite guidate a Villa Parco Bolasco

  • Sabato 7 e domenica 8 maggio 2022 - Ore 11.00, 15.00 e 17.00

La bellissima Villa Parco Revedin Bolasco è aperta al pubblico tutti i venerdì, i sabati, le domeniche e i giorni festivi,  da aprile a ottobre, dalle ore 10.00 alle 19.00.

Villa Revedin Bolasco / Castelfranco Veneto

Una passeggiata nel verde giardino all'inglese con piante antiche e immense, laghetti artificiali, sculture e architetture che raccontano la bellezza dell'arte. Di grande raffinatezza la villa storica restaurata con affreschi, stanze  e le scuderie. Si accede da via Ospedale (lungo il parcheggio del Centro Anziani Sartor), si visita su prenotazione ed è possibile partecipare a visite guidate con partenza fissa. Una visita per conoscere la storia del parco e della casa, per capire l'evoluzione del giardino e conoscere le piante presenti, un viaggio tra verde e arte.

È possibile partecipare alle visite alle ore 11.00, 15.00 e 17.00 il sabato, la domenica e i festivi, alle ore 17.00 il venerdì. Per i singoli l'ingresso è su prenotazione, al costo di 3 euro a persona (in aggiunta al biglietto di ingresso individuale di euro 5,00) e per il  gruppo familiare, su prenotazione al costo di 5 euro per gruppo (in aggiunta al biglietto di ingresso famiglia di euro 13,00 per un nucleo di due adulti a massimo tre bimbi fino i 17 anni).

CASTELFRANCO VENETO. Reka Nyari. Ink Stories

  • Sabato 7 e domenica 8 maggio 2022

Arriva a Castelfranco Veneto direttamente dal museo DART della Permanente di Milano la mostra fotografica Ink Stories di Reka Nyari. Una selezione di 15 opere che fanno parte di un progetto di ritrattistica che è tuttora in corso e che l’artista ha presentato nel 2017 con la sua prima personale a New York, Geisha Ink. Inaugurazione della rassegna venerdì 11 marzo.

Un progetto che ha come focus lo studio sull’identità personale e l’emancipazione femminile attraverso la ritrattistica nuda. In esposizione fotografie in bianco e nero su larga scala e tre opere digitali in NFT che hanno come soggetti nudi femminili con corpi ricoperti di tatuaggi.

«Negli ultimi anni - racconta l’artista in un’intervista pubblicata su Art Master, periodico d’arte edito da Masterpieces Group - ho lavorato alla mia serie Ink Stories, che ritrae donne di tutto il mondo completamente tatuate e racconta storie di vita disegnate sulla loro pelle. Ho sempre amato realizzare ritratti e mi sono interessata all’arte del tatuaggio. I tatuaggi sono un modo così bello, definitivo, artistico e ribelle di rivendicare il proprio corpo, spesso funzionando come terapia per trasformare la vita e l’aspetto di una persona. Possono essere emblemi di forza, promemoria di coraggio e guide per un percorso migliore della vita».

Le opere di Reka Nyari sono state esposte in numerose gallerie negli Stati Uniti e in Europa, la mostra di Milano è stata la prima in Italia e fa tappa anche a Castelfranco Veneto grazie all’impegno di Masterpieces Group che ha deciso di ospitarla nella sua sede all’interno di Palazzo Spinelli-Guidozzi.

«La donna è il fulcro del mondo: è creazione, è amore, è dolcezza ma anche forza, vitalità, unione, rinnovamento», spiega Sara Longo, direttore eventi di Masterpieces Group. «La figura della donna è così potente che da sempre viene messa in discussione proprio per cercare di sminuirne la potenza. È per celebrare questo essere così importante che abbiamo scelto di portare nella nostra sede di Castelfranco Veneto una mostra di Reka Nyari che ‘parla’ di donne che si raccontano attraverso il proprio corpo».

Metà finlandese e metà ungherese, l’artista è nata a Helsinki e ha vissuto a Budapest per alcuni anni prima di trasferirsi definitivamente a New York nel 1997. Ha vinto il primo premio al Miami Photo Center Vision Excellence Awards nel 2018 e all’International Photography Awards (IPA) nel 2010, categoria Beauty Pro. La sua monografia di 225 pagine intitolata Femme Fatale: Female Erotic Photography è pubblicata in 6 lingue ed è sold out in tutto il mondo.

La Finlandia è la patria della sauna e Nyari è cresciuta con un approccio non sessualizzato e naturale alla nudità e al corpo femminile, approccio che emerge chiaramente dalle sue opere:

«La nudità non è sinonimo di pornografia o sessualità. Questo aspetto è molto importante nel mio lavoro», spiega. Ink Stories è immaginario femminile senza limiti: i racconti di quattro donne e di come hanno risposto alla lotta e al dolore. La storia di come hanno cambiato la loro vita, trasformandola in quello che volevano, della loro resilienza.

«Tutti i tatuaggi sono reali - spiega Nyari - e ogni serie che ho realizzato racconta le storie intime e vere dei miei soggetti. Conosco bene ognuna delle donne prima di scattare. Penso agli scatti come a una collaborazione, a un trasferimento di energia tra me e il mio soggetto».

Reka Nyari ama fotografare il tipo di donne che vuole essere: «forti, belle, potenti e responsabili della loro vita e della loro sessualità». Le quattro donne fotografate dall’artista sono unite dal fil rouge dell’indipendenza e del potere. Ognuna è l’eroina di una storia di auto-emancipazione, riconciliazione con i propri traumi, una storia raccontata sulla loro pelle. In quest’ottica i tatuaggi diventano simboli di vigore e trionfo, simboli di come hanno trasformato la loro mente trasformando la loro pelle.

La mostra si sviluppa in quattro sezioni.

  • Geisha Ink - 2015 - Geisha Ink è Ginzilla, una giovane donna nata in una famiglia tradizionale giapponese dai valori conservatori intransigenti. I suoi atti di ribellione sono scritti in modo permanente sul suo corpo.
  • Blooming Ink - 2019 - Charlotte, la protagonista di questa sezione, ha avuto a che fare con un’estrema timidezza e ansia sociale per tutta la sua vita, che l’ha portata a ritirarsi in se stessa. Affascinata dalla bellezza dei tatuaggi, ha avuto l’idea di ricoprire tutto il suo corpo di inchiostro. Il suo corpo è un’opera d’arte completa.
  • Blooming Ink NFT -2021 - Alcuni ritratti animati che l’artista ha sviluppato come NFT.
  • Punctured Ink - 2021 - In questa serie l’artista lavora attraverso un processo di perforazione della superficie di ogni stampa che, a differenza della pittura e del disegno, crea fori in rilievo che lasciano un risultato permanente, proprio come fa un tatuaggio sulla pelle.

INFORMAZIONI

Reka Nyari. Ink Stories
11 marzo – 29 maggio 2022
Orari di apertura

  • Venerdì 11 marzo: solo su invito
  • Sabato 12 e domenica 13 marzo: 10,00 – 12,00/ 14,00 – 19,00 (entrata libera)
  • Da lunedì 14 marzo: visita su appuntamento. In caso di presenza in sede del team Masterpieces Group l’entrata sarà libera senza necessità di appuntamento.

Per info e prenotazioni visite: info@masterpiecesgroup.com. Ingresso gratuito

MIANE. A Combai ritorna è Verdiso

  • Sabato 7 e domenica 8 maggio 2022

Dopo la versione smart, imposta dalla pandemia, finalmente torna “è Verdiso”, la manifestazione ideata e organizzata dalla Pro Loco di Combai e dall’Associazione “Amici del Verdiso” per valorizzare, far conoscere, e apprezzare, un vino unico, un vitigno antico e il suo territorio, di cui è espressione autentica. La 31°edizione si aprirà venerdì 6 maggio, dando il via a due weekend densi di avvenimenti e di occasioni di svago e divertimento.

La kermesse rientra a buon diritto nel cartellone della Primavera del Prosecco Superiore, dove si distingue per la proposta di un vino di nicchia, autoctono che nel tempo ha saputo conquistarsi un posto d’onore nell’albo enologico locale. La Mostra del vino Verdiso mette in campo quest’anno diverse novità. La Pro Loco, guidata dalla vulcanica presidente Maria Vittoria Moro, ha infatti predisposto un programma straordinariamente allettante tanto per i residenti, quanto per i turisti che a Combai sono diventati di casa, e adatto a winelovers e a famiglie.

Oltre alle serate di degustazione a tema - a base di paella, frittura di pesce, risi&bisi, erbe selvatiche, tagliata in salsa francese e rigorosamente accompagnati da Verdiso, nelle tipologie tranquillo, frizzante, con fondo, spumante e passito - sabato 7 e 14 maggio, a partire dalle ore 18:30, debutta APERIpiazza, aperitivo in piazza Brunelli fra suggestioni sonore (musica con DJ) e creatività gourmet. Ad arricchire il calendario, le escursioni enogastronomiche tra vigneti, boschi e borghi antichi (per prenotazioni www.combai.it); in particolare la passeggiata di sette chilometri in programma domenica 8 maggio che porterà gli escursionisti alla scoperta delle bellezze naturalistiche del territorio e alle delizie della cantina, con tre soste in altrettante aziende agricole locali dove si degusteranno alcuni calici di Verdiso consumando un box pic-nic di prodotti tipici.

L’appuntamento culturale è fissato per mercoledì 11 maggio alle ore 20:30, con l’incontro-conversazione con Marco Tagliaro, che ripercorrerà le tappe della sua lunga produzione pittorica sui colli di Combai. Una selezione delle opere di Tagliaro, intitolata “Memorie, volti e vedute. 1967-2019” sarà in esposizione per tutta la durata della Mostra di “è Verdiso” presso Saletta Giovanni Barbisan in piazza Squillace. La cerimonia di inaugurazione della 31^ edizione della rassegna “è Verdiso” si svolgerà sabato 7 maggio alle ore 18:00. Contestualmente sarà aperta pure la Mostra fotografica “Diffrazioni, il sentiero che si fa destino”, quaranta scatti in cui i ragazzi raccontano il territorio.

AMICI DEL VERDISO. L’associazione nasce nel 1991 da un gruppo di produttori con l’intento di recuperare e salvaguardare un vitigno autoctono e l’unicità dei caratteri organolettici del suo vino. La mission: conferire nuovamente al Verdiso il ruolo di primo attore e trasferire al consumatore gli elementi necessari ad identificare il vino con il suo territorio, intrecciando storia, tradizioni e antico sapere, con la bellezza di un paesaggio unico. L'Associazione collabora con la Pro Loco di Combai nell'organizzazione della manifestazione “è Verdiso”, volta alla
valorizzazione di questo caratteristico vino. Il Verdiso è un vitigno autoctono della Pedemontana trevigiana la cui esistenza documentata risale ad oltre due secoli fa. Il suo impianto fu imposto ai coloni dell'Abbazia di Follina già nel 1788.

I PRODUTTORI. Al Roccolo, Ballancin Lino, Barazza Giovanni, Borgo Antico, Borgo Col, Buosi Paolo, Conte Collalto, Crodi, Fratelli Zambon, Gregoletto Luigi, La Capuccina, Le Manzane, Lucchetta Vini, Perlage, Riva Calistro, Rive Col De Fer, Salatin Cav. Antonio, Serre, Toffoli Vincenzo.

Orario Mostra:

  • venerdì dalle 19.00 alle 24.00
  • sabato dalle 16.00 alle 24.00
  • domenica dalle 11.00 alle 21.00

L’evento si terrà nel rispetto della normativa covid vigenti. Info e prenotazioni: PRO LOCO COMBAI Cell. 345.3525320 | proloco@combai.it | www.combai.it

CONEGLIANO/VALDOBBIADENE. Primavera del Prosecco Superiore 2022

  • Sabato 7 e domenica 8 maggio 2022

È grande l’entusiasmo che si registra nelle Colline di Conegliano e Valdobbiadene patrimonio Unesco per la Primavera del Prosecco Superiore 2022 che, nel prossimo fine settimana, arriverà al giro di boa.

Tre, in particolare, gli appuntamenti in arrivo nel week-end: si partirà da Col San Martino dove, dal 3 al 22 maggio, avrà luogo la 66^ Mostra del Valdobbiadene DOCG. Nata, infatti, dall’iniziativa di alcuni amici che con spirito gioioso attendevano le persone all’uscita della chiesa offrendo un buon bicchiere di vino, la più longeva delle rassegne legate alla Primavera del Prosecco ogni anno ripropone con lo stesso spirito circa un centinaio di etichette dei produttori di Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG.

Tra gli eventi da non perdere due speciali degustazioni a cura dei sommelier FISAR: sabato 7 maggio “Degustiamo... iniziando dal nostro”, degustazione guidata dei vini vincitori della Mostra del Valdobbiadene DOCG di Col San Martino; sabato 21 maggio: “Bianco, grigio e nero: i pinot dell’Alsazia” degustazione guidata dei vini d’Alsazia.

Si svolgerà invece a Combai, dal 6 al 15 maggio, la 31^ edizione di “È Verdiso”, la manifestazione che punta a valorizzare il Verdiso IGT. Ad arricchire il programma, passeggiate enogastronomiche tra i vigneti di Verdiso con accompagnatore, degustazioni presso le cantine del paese, cene a tema con erbette primaverili e piatti della tradizione. Due gli eventi speciali in programma: domenica 8 maggio “Passeggiata con degustazione in cantina”, camminata con accompagnatore tra i vigneti di Verdiso con degustazione di vino e piatti tipici nelle cantine di Combai. Venerdì 13 maggio avrà invece luogo la Cena con erbette primaverili, una serata a tema che, dall’antipasto al dolce, valorizzerà le erbette primaverili spontanee.

Per concludere, proseguirà fino all’8 maggio la 52^ Mostra del Valdobbiadene DOCG di Guia, un’esperienza da vivere in un territorio ricco di colori, sapori e voglia di festa, degustando il Prosecco Valdobbiadene DOCG accompagnato da salumi e formaggi, prodotti che rendono uniche le Colline di Valdobbiadene.

E fervono anche i preparativi per il Concorso Enologico “FASCETTA D’ORO” dedicato alla migliore produzione vitivinicola dell'area del Conegliano Valdobbiadene, che tornerà nel mese di giugno. Anche quest’anno, infatti, il  Comitato Provinciale UNPLI Treviso, quale Organismo Ufficialmente Autorizzato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, d’intesa con l'Associazione Enologi Enotecnici Italiani (Assoenologi), ha ottenuto l’approvazione Ministeriale per istituire l’8^ Edizione della “FASCETTA D’ORO”, primo ed unico Concorso Enologico Nazionale dedicato al Conegliano Valdobbiadene ed alle sue eccellenze vitivinicole, valorizzando il prodotto simbolo delle Colline trevigiane nei luoghi dove nasce.

La Primavera del Prosecco Superiore, nata dalla grande forza del volontariato delle Pro Loco, si conferma quindi una delle più importanti manifestazioni enoturistiche italiane. Ciò che rende unica la rassegna, infatti, è la capacità di far vivere al turista un’esperienza indimenticabile, in cui la grande tradizione enologica del Conegliano Valdobbiadene DOCG diventa il “filo d’Arianna” che guida il visitatore alla scoperta del territorio, della cultura e dell’ospitalità locale, immergendosi nello spirito che anima le 17 Mostre di Primavera.

Il tutto in un territorio magico, entrato nel Patrimonio dell’umanità UNESCO e celebrato nei versi del poeta Andrea Zanzotto, figura alla quale è ispirato il programma di visite dal titolo “Cartoline inviate dagli dei” che, dopo il successo della scorsa edizione, quest'anno si amplia ulteriormente. Per rimanere sempre aggiornati sul calendario degli eventi e sulle modalità di partecipazione: www.primaveradelprosecco.it – FB primaveradelprosecco

MOSTRE PRIMAVERA DEL PROSECCO SUPERIORE 2022

Seguici sui nostri canali