Attualità
Oderzo

Il braccio della 24enne finisce nel motore della motosega: arto salvato grazie a un delicato intervento chirurgico

Merito del tempestivo intervento del Pronto soccorso e dell'equipe di Ortopedia di Oderzo.

Il braccio della 24enne finisce nel motore della motosega: arto salvato grazie a un delicato intervento chirurgico
Attualità Oderzo e Motta, 23 Dicembre 2021 ore 09:24

Una giovane donna di 24 anni è rimasta coinvolta la scorsa settimana in un incidente mentre tagliava della legna: salvato il braccio.

Il braccio della 24enne finisce nel motore della motosega

Grazie al tempestivo operato del pronto soccorso di Oderzo e al successivo complesso intervento dell’équipe del reparto di ortopedia, guidata dal dottor Enrico Rebuzzi, ad una giovane donna di 24 anni, rimasta coinvolta la scorsa settimana in un incidente mentre tagliava della legna, è stato salvato il braccio.

LEGGI ANCHE: Bimbo di quattro anni rischia di soffocare con un mandarino: salvato dalla mamma grazie all'aiuto del 118

La paziente è rimasta impigliata con i vestiti nel motore della motosega che stava utilizzando, con conseguente grave torsione del braccio e lacerazione dei tessuti.

“Una volta stabilizzata - spiega Rebuzzi - grazie all’aiuto di tutto il personale di reparto, di sala e ai colleghi anestesisti, diretti dal dr. Paride Trevisiol - con un intervento durato molte ore abbiamo salvato l’arto alla paziente. Inizialmente sono state sintetizzate le molteplici fratture, quindi sono stati riparati i tendini, i muscoli e i vasi. E’ stato un intervento delicato e complesso ma possiamo dire con un buon esito. La difficoltà di tali operazioni chirurgiche – prosegue il primario- consistono inizialmente in un intervento precoce, in un dettagliato bilancio delle lesioni ed in una tecnica precisa. Oggi, grazie alle nuove metodiche di osteosintesi e microchirurgiche, è possibile fare miracoli.

Un particolare elogio va ai miei colleghi, dr. Schiavetti, dr. Francescotto e dr. Buffolo – sottolinea il primario - che hanno protratto il loro orario di lavoro, come sempre fanno nei casi di urgenza, perché c’è bisogno di specialisti aggiunti per rafforzare il team ed offrire il massimo delle prestazioni.”

“Da molti anni l’ortopedia opitergina si è distinta nella chirurgia dell’arto superiore e questo delicato intervento conferma i livelli di eccellenza raggiunti – afferma il direttore generale, Francesco Benazzi. Importante questa esperienza non solo per la qualità dell’offerta ai pazienti ma anche per l’esperienza che può essere trasmessa ai giovani specializzandi. A tutto il personale il mio ringraziamento e i miei complimenti”.