Raid punitivo

Aggressione in Piazza Cima, perquisiti a casa i primi responsabili: due 20enni kosovari

Applicato il Daspo Willy. Le indagini proseguono al fine di giungere all’identificazione degli altri responsabili.

Aggressione in Piazza Cima, perquisiti a casa i primi responsabili: due 20enni kosovari
Cronaca Conegliano e Valdobbiadene, 04 Maggio 2021 ore 14:28

Raid punitivo in Piazza Cima a Conegliano, nelle prime ore della mattinata odierna, martedì  maggio 2021, agenti hanno eseguito i decreti di perquisizione domiciliare e personale disposti dalla Procura della Repubblica di Treviso a carico di due giovani kosovari, ventenni.

Aggressione in Piazza Cima a Conegliano

Personale della Squadra Mobile della Questura di Treviso e del Commissariato di Conegliano nelle prime ore della mattinata odierna, martedì  maggio 2021, ha eseguito i decreti di perquisizione domiciliare e personale disposti dalla Procura della Repubblica di Treviso a carico di due giovani kosovari, ventenni, residenti in provincia di Treviso.

Infatti, le attività di indagine condotte senza soluzione di continuità hanno permesso di individuare due degli autori della grave aggressione avvenuta il pomeriggio di domenica 2 maggio nella centralissima Piazza Cima di Conegliano.

Lesioni aggravate e porto di armi e oggetti atti ad offendere

I kosovari sono indagati per lesioni personali aggravate e porto di armi e oggetti atti ad offendere. Nel corso delle perquisizioni è stato sequestrato svariato materiale utile alle indagini, tra cui l’abbigliamento che i giovani avevano indosso all’atto dell’aggressione e alcune mazze ferrate e bastoni.

LEGGI ANCHE: Il video della spedizione punitiva con spranghe al bar

Il Questore della provincia di Treviso ha emesso a carico dei due giovani stranieri, in regola con le norme sul soggiorno sul T.N, il divieto di accesso in tutti gli esercizi pubblici di Piazza Cima per 2 anni, il c.d. Daspo Willy, introdotto con D.L. n. 130 del 21 ottobre 2020.

Le indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica proseguono al fine di giungere all’identificazione degli altri responsabili e all’applicazione di tutte le misure previste dalla legge.