Menu
Cerca
Indagini in corso

Violenza a Conegliano, il video del folle raid punitivo in piazza

E' successo ieri pomeriggio in Piazza Cima. Un vero e proprio regolamento di conti a colpi di mazze e spranghe.

Cronaca Conegliano e Valdobbiadene, 03 Maggio 2021 ore 09:07

I presenti hanno assistito a una scena surreale, in un attimo si è scatenata una feroce violenza ai danni di un ragazzo macedone rimasto a terra privo di sensi.

Violenza a Conegliano

Follia ieri, domenica 2 maggio 2021, in Piazza Cima a Conegliano. All’improvviso esplode la violenza con un vero e proprio regolamento di conti tra ragazzi armati di spranghe e mazze. Nel mirino un connazionale degli aggressori, tutti macedoni, rimasto poi a terra privo di sensi a causa del raid punitivo.

Il giovane è stato poi soccorso dai sanitari del Suem, allertati dai testimoni increduli del violento pestaggio. Ferito anche un altro ragazzo, che ha riportato una ferita alla testa.

LEGGI ANCHE:

Rissa Conegliano, in carcere per tentato omicidio il principale aggressore: è un 23enne senegalese – VIDEO

Gli aggressori invece sono riusciti a dileguarsi prima dell’arrivo delle Forze dell’ordine, che ora indagano sul grave episodio. Si cercano indizi dalla visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza ma anche dai vari video ripresi dai presenti sul posto e divenuti in breve virali sul web.

Lo sdegno del del sindaco

L’episodio è stato commentato anche dal sindaco di Conegliano, Fabio Chies:

“In Piazza Cima è avvenuta una rissa tra ragazzi di cui non posto il filmato solo per non dare ancor più notorietà a questa gentaglia! Siamo senza amministrazione da novembre e l’unica cosa che posso fare come semplice cittadino è invitare le forze dell’ordine che ringrazio, perché aver a che fare con certa gente è disgustoso, a riunirsi, individuare questi elementi ed ESPELLERLI!!!!! Lo abbiamo fatto al Biscione e si può fare anche qui! Ora aspetto solo qualcuno che li difenda, è ora di finirla con questo buonismo che porterà sempre più a situazioni di questo genere!!!! Non dobbiamo più tollerarle!!!!”