Cronaca
Treviso in lutto

Il Covid si porta via l'ex primario e ginecologo Valter Adamo. La figlia: "Ha vissuto con amore"

Ha fatto nascere tantissimi bambini trevigiani ed era attivo anche nel sociale. Era ricoverato in terapia intensiva al Ca' Foncello da circa tre settimane.

Il Covid si porta via l'ex primario e ginecologo Valter Adamo. La figlia: "Ha vissuto con amore"
Cronaca Treviso, 10 Dicembre 2020 ore 17:50

Scomparso ieri Valter Adamo, 71 anni, stimato ex primario e ginecologo a Treviso (in primo piano in copertina). Era in terapia intensiva al Ca' Foncello da circa tre settimane causa Covid.

Covid, addio a Valter Adamo

"Papà non ha perso la sua battaglia! La gente perde soltanto se, con il tempo che gli viene donato, non fa nulla per cambiare il mondo!".

Così la figlia Elisa ha voluto salutare papà Valter Adamo, 71 anni, ex primario e ginecologo mancato ieri, mercoledì 9 dicembre 2020, dopo circa tre settimane di ricovero in terapia intensiva al Ca' Foncello di Treviso a causa del Covid.

L'impegno nel sociale

Adamo, professionista stimato in tutto il Nordest, ha fatto nascere centinaia di bambini sia in ospedale e Treviso che a Pordenone dov'era diventato primario. Era andato in pensione da quattro anni ma aveva continuato a impegnarsi nel sociale, in particolare come volontario del Cuamm di Padova, a sostegno della popolazione africana.

Il Covid si porta via l'ex primario e ginecologo Valter Adamo. La figlia: "Ha vissuto con amore"

Calcio e montagna le sue passioni

Tra le sue passioni, oltre a quella di aiutare il prossimo, anche il calcio e la montagna. Era stato per questo anche presidente di una squadra giovanile, il Condor S.A. Purtroppo il virus si è insinuato nella sua famiglia e anche lui si è contagiato. Le sue condizioni, dopo un primo momento di isolamento domiciliare, si sono di colpo aggravate. Di qui il ricovero al Ca' Foncello, da cui purtroppo Valter non più uscito.

Sui social è ancora la figlia Elisa a ricordarlo con parole affettuose:

"Papà ha vinto perché ha vissuto una vita d'amore... Quello con la A maiuscola. Amore per la sua famiglia, per gli amici, per gli altri... Ora caro papy, vola in cielo libero... proprio come ti sentivi quando camminavano insieme nei sentieri in mezzo alle nostre amate montagne Io da qui continuerò ad essere testimone di Amore, Vita e Speranza. Ciao papà".

Il ricordo del Centro della Famiglia

Il Centro della Famiglia di Via San Nicolò in lutto per la scomparsa di Valter Adamo. A 71 anni, il medico e volontario si è spento la scorsa notte, dopo aver lottato lungamente contro il Covid-19, lasciando la moglie Annamaria, i figli Elisa e Francesco, i due nipotini, i tanti amici, colleghi e volontari del Centro della Famiglia nel lutto.

Da sempre al servizio degli altri, ex primario di ginecologia e ostetricia a Pordenone e specialista a Treviso e nei nosocomi della Marca, anche dopo il suo pensionamento, quattro anni fa, aveva continuato a impegnarsi con tutta la sua passione e la sua professionalità come volontario.

Per il Consultorio Familiare di Via San Nicolò era stato a lungo responsabile dell’area ginecologica e tra i consulenti scientifici del “Progetto Famiglia Fertile” - attivato in collaborazione con Ulss 2 Marca Trevigiana e Istituto Scientifico Internazionale del Policlinico Gemelli di Roma -  ruoli nei quali ha accompagnato  con grande competenza e umanità centinaia di famiglie nel prezioso e complesso cammino della gravidanza.

Alcune testimonianze

Il ricordo di Goretta Scandiuzzi e Oliviero Beni, una delle coppie con maggior esperienza presso il Centro Diocesano:

“Valter amava la vita e le persone, ha vissuto intensamente con la moglie Annamaria tante esperienze interessanti e profonde. E’ stato una medico preparato e disponibile, valente primario e maestro per i suoi collaboratori; dava sicurezza per la sua competenza e sensibilità. Non si può dimenticare l’affabilità e la tenerezza con cui si rapportava con chi si affidava alla sue cure. Era buono di carattere, amorevole, ironico e simpatico, con lui abbiamo passato momenti indimenticabili. Era curioso e interessato al mondo che lo circondava, amante delle tradizioni, della sua terra di origine ma aperto al nuovo e alla conoscenza. Ha vissuto in pienezza con il senso dell’ottimismo della ragione. In lui era innato il culto dell’amicizia, della generosità e dell’ospitalità e con Annamaria al suo fianco ha aperto la loro casa ad amici e conoscenti. Amico vero ci mancherà per sempre ma ci lascia un bellissimo ricordo”.

Per Don Mario Cusinato, fondatore del Centro della Famiglia:

“La condivisione di vita per tanti anni con Valter e Annamaria è per me un dono prezioso da custodire, di cui essere riconoscente e per il quale dire grazie al Signore per quanto ho ricevuto da loro due e dalla loro famiglia come accoglienza, amicizia, sostegno, consiglio, collaborazione, senso della vita e della fede nei momenti di gioia e nei momenti di fatica.”

LEGGI ANCHE:

Acceso l’albero di luce dell’Ospedale Ca’ Foncello: dedicato a medici, infermieri e operatori sanitari