Duplice omicidio aggravato

La moglie e una conoscente morirono nell'incendio appiccato da lui per incassare i premi dell'assicurazione

La tragedia risale allo scorso giugno. Arrestato ora dai Carabinieri per duplice omicidio aggravato Sergio Miglioranza, 70 anni.

Cronaca Treviso, 05 Marzo 2021 ore 14:00

Arrestato dai Carabinieri in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Treviso, un 70enne trevigiano, Sergio Miglioranza, accusato di aver dato fuoco, nello scorso mese di giugno, all’abitazione che condivideva con la moglie e una conoscente, morte entrambe nell'incendio.

La moglie e una conoscente morirono nell'incendio a Castagnole

I Carabinieri della Compagnia di Montebelluna hanno arrestato, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Treviso, un 70enne trevigiano, Sergio Miglioranza, accusato di aver dato fuoco, nello scorso mese di giugno, all’abitazione che questi condivideva con la moglie, Franca Fava, e con una conoscente, Fiorella Sandre, entrambe morte carbonizzate a seguito del violento incendio divampato in tempi rapidissimi.

IL COMMENTO DI ZAIA: Zaia sull’arresto: “Un pensiero alle vittime di un delitto vile e codardo”

Il movente del duplice, efferato omicidio sarebbe da ricondursi alla volontà dell’arrestato di incassare premi assicurativi su danni provocati da incendio allo stabile ed a terzi, ammontanti a svariate centinaia di migliaia di euro.

La moglie e una conoscente morirono nell'incendio appiccato da lui per incassare i premi dell'assicurazione

 

Quella maledetta notte di giugno

Un inferno di fuoco nella notte tra lo scorso 9 e 10 giugno. La tragedia si era consumata in località Castagnole, dove intorno alla 1.30 di quella disgraziata notte si era sviluppato un poderoso incendio in un’abitazione di via Feltrina, nei pressi della Gaivi. Il rogo aveva in breve coinvolto, oltre alla casa, anche i magazzini esterni circostanti.

A dare l’allarme era stato proprio lui, il titolare che, in stato confusionale, aveva riferito ai Vigili del fuoco e alle Forze dell’ordine accorsi sul posto che due donne, tra cui la moglie, risultavano disperse. A rogo domato, era purtroppo poi stato trovato un primo corpo carbonizzato. L'indomani mattina il secondo.

Una fine orribile che, secondo le indagini condotte dai militari, sarebbe stata stata procurata alle due donne da un incendio tutt'altro che accidentale.

A perdere la vita in via Feltrina, Franca Fava, 68 anni, moglie del titolare e ora unico accusato per quel maledetto rogo, e Fiorella Sandre, 74 anni, un’amica. Miglioranza stesso era rimasto intossicato nell'incendio e portato in ospedale.