Menu
Cerca
Mogliano Veneto

Marta accoltellata ferocemente per aver reagito alla rapina: 16enne accusato di tentato omicidio

L'ipotesi più accreditata al momento è proprio quella di una tentata rapina finita male. La 26enne ancora in prognosi riservata.

Marta accoltellata ferocemente per aver reagito alla rapina: 16enne accusato di tentato omicidio
Cronaca Treviso, 23 Marzo 2021 ore 09:56

L’ipotesi più accreditata al momento è la tentata rapina finita male. Il 16enne accusato di tentato omicidio, mentre Marta Novello, la vittima della brutale aggressione, lotta per la vita in ospedale.

AGGIORNAMENTO: “Forza Marta!”, delicata operazione per la 26enne accoltellata. Gli amici increduli: “Non può essere una rapina”

Marta accoltellata ferocemente per aver reagito alla rapina

Stava facendo jogging Marta Novello, la 26enne di Mogliano brutalmente aggredita ieri pomeriggio, lunedì 22 marzo 2021, proprio a Mogliano Veneto, in località Marocco. Una corsetta lungo una strada di campagna, in via Marignana, finita tragicamente.

La giovane, stando alla ricostruzione degli inquirenti, è stata assalita da un 16enne in bicicletta che avrebbe tentato di rapinarla. Lei ha provato ad opporre resistenza, reagendo, ma per tutta risposta il presunto rapinatore l’ha colpita con almeno otto coltellate. Tanto che la ragazza è poi finita esanime nel vicino fossato. Ma la foga del 16enne è stata tale che anche lui, nella breve ma feroce colluttazione, sarebbe caduto in acqua.

Tentato omicidio

Il minore, ritenuto responsabile dell’aggressione, è stato poi arrestato dai Carabinieri e ora per lui l’accusa è di tentato omicidio. Marta invece lotta per la vita all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Le sue condizioni sono molto gravi e la prognosi resta riservata.

A dare l’allarme alcuni operai, che sono transitati di lì poco dopo l’episodio. La loro attenzione è stata richiamata dalla presenza a bordo strada della bicicletta capovolta.

Temendo si fosse verificato un incidente, si sono fermati trovandosi però di fronte una scena scioccante, con la ragazza priva di sensi e coperta di sangue. I militari intervenuti sul posto hanno poi recuperato anche l’arma utilizzata per l’efferata aggressione.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli