Corso di laurea

Medicina e Chirurgia a Treviso, oltre 50 sindaci sottoscrivono l’appello partito da Montebelluna

Il sindaco, Marzio Favero: "Partita talmente importante per il futuro della formazione Universitaria e della Sanità nella nostra Provincia, da superare la logica delle appartenenze politiche o partitiche".

Medicina e Chirurgia a Treviso, oltre 50 sindaci sottoscrivono l’appello partito da Montebelluna
Treviso, 15 Giugno 2020 ore 17:35

Oltre 50 sindaci (ad ora) della Provincia di Treviso accolgono l’appello lanciato da Marzio Favero per invitare il Governo a concedere l’attivazione del Corso di laurea in Medicina e Chirurgia a Treviso.

L’iniziativa parte da Montebelluna

Sono già 56 i sindaci della provincia di Treviso ad aver in questi giorni sottoscritto il documento proposto dal sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, contenente l’invito al Governo a rivalutare la propria posizione sospensiva rispetto all’attivazione del Corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia a Treviso. Un’istanza che nasce a fronte della notizia che il Governo ha impugnato la D.G.R. per l’attivazione del predetto corso di Laurea a Treviso, e a fronte della quale il sindaco Favero ha elaborato un documento sintetico a sostegno dell’accordo siglato tra il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, e il Preside della facoltà di Medicina dell’Università di Padova, dott. Stefano Merigliano, al fine di invitare il Governo a sciogliere le riserve nei confronti di un provvedimento che peraltro ha già avuto il parere positivo del Ministero della Università e della Ricerca.

Il commento di Favero

Commenta il sindaco, Marzio Favero:

“La partita è talmente importante per il futuro della formazione Universitaria e della Sanità nella nostra Provincia, da superare la logica delle appartenenze politiche o partitiche. Ringrazio tutti i colleghi Sindaci che lo hanno sottoscritto o che lo vorranno sottoscrivere nelle prossime ore. Di seguito le ragioni della richiesta”.

Ecco il documento

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA A TREVISO

I sottoscritti Sindaci trevigiani esprimono la loro solidarietà al Presidente della Regione Veneto, dott. Luca Zaia, e al Preside della facoltà di Medicina dell’Università di Padova, dott. Stefano Merigliano, in ordine all’accordo approvato con D.G.R. per l’attivazione del corso di Laurea magistrale in Medicina e Chirurgia a Treviso, ove già è attivo il corso triennale in Medicina dell’Ateneo Patavino, poiché valutano come atto scorretto sia a livello istituzionale, sia sul piano sostanziale l’impugnazione da parte del Governo nazionale di tale provvedimento. A quanto è dato di sapere, il Governo ha addotto due motivazioni:

(a) il rischio che l’aumento delle immatricolazioni alla Facoltà di Medicina e Chirurgia non corrisponda al fabbisogno di dirigenti medici definito a livello statale,

(b) la riduzione, a favore della formazione, della spesa che la Regione dovrebbe riservare invece all’assistenza sanitaria.

A una prima analisi dei fatti, entrambe le contestazioni risultano incongrue e artate. Già prima dell’emergenza sanitaria indotta dal Covid 19, si poneva a livello regionale il tema della carenza di professionalità mediche, in particolare specializzate. È evidente che le politiche nazionali di contingentamento delle iscrizioni a Medicina sono risultate nel loro insieme controproducenti e non correlate all’andamento dei reali bisogni socio-sanitari. Peraltro, non a caso, il Ministero dell’Università e della Ricerca ha già espresso il suo parere positivo al corso. Quanto al tema del presunto dirottamento delle risorse riservate alla sanità, giova sottolineare che a fronte dei sei milioni richiesti per l’attivazione del corso (di cui un milione e mezzo per i docenti), la Regione spende nove miliardi e seicento milioni per la Sanità. Senza contare, come giustamente sottolineato dal direttore dell’Aulss 2 di Treviso, dott. Francesco Benazzi, che anche l’investimento per l’Università corrisponde ai bisogni di potenziamento e miglioramento dell’offerta sanitaria, appena si consideri il fatto che alcuni dei docenti che assicurano la formazione a Treviso rivestono ruoli apicali nell’ospedale della città, assicurando una organicità di rapporto fra Ateneo patavino e l’Aulss 2. Un rapporto che è stato rinforzato dall’approdo all’ospedale unico di Castelfranco Veneto – Montebelluna, presso la sede di Castelfranco, dell’Istituto Oncologico Veneto. Opportuno, in conclusione, è focalizzare che l’apertura del corso di Laurea magistrale in Medicina e Chirurgia a Treviso non corrisponde a una vaga e incerta attesa locale di promozione territoriale, bensì al fatto – oggetto di profonda riflessione da parte degli urbanisti – che l’area delle province di Venezia, Padova, Treviso e Vicenza, risponde ormai alle dinamiche tipiche della metropoli contemporanea. Al suo interno si concentrano circa tre milioni e mezzo di persone e buona parte delle imprese che compongono la piattaforma produttiva veneta, che è fra le più importanti d’Europa. I confini fra enti locali non corrispondono ai processi sociali, culturali, produttivi e formativi che rendono interconnesso tale territorio. In logica metropolitana, la sezione trevigiana della facoltà di medicina e chirurgia di Padova è una scelta logistica da leggersi in chiave di rete urbana. E risponde alle esigenze ambientali prima, sanitarie oggi – dopo l’esperienza della pandemia –, di ridurre gli spostamenti delle persone e la loro eccessiva concentrazione nei luoghi di studio o di lavoro. Si invita il Governo a rivedere la propria posizione e a ritirare l’impugnazione della delibera regionale. Le autonomie dell’Università, della Regione e degli Enti Locali sono una risorsa per il sistema-paese, e per questo sono tutelate dalla Costituzione, come ha ricordato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dei 50 anni dalla nascita delle Regioni. Esse hanno dimostrato nei mesi del lockdown la loro efficacia nel concorrere alla tutela generale della salute. Tema che sta a cuore ai primi cittadini che hanno vissuto il periodo dell’emergenza nelle trincee della protezione civile e dei servizi sociali, sempre in rete con il sistema socio-sanitario, che abbisogna di un adeguato e ramificato organismo di formazione universitaria.

Tutti i firmatari al momento: numero destinato a crescere

FIRMATARI (ad ora)

  1. ARCADE – PRESTI DOMENICO
  2. CASTELFRANCO VENETO – MARCON STEFANO
  3. CAVASO DEL TOMBA – RUGOLO GINO
  4. CODOGNE’ – TOMMASELLA LISA
  5. CORNUDA – SARTOR CLAUDIO
  6. CROCETTA DEL MONTELLO – TORMENA MARIANELLA
  7. FONTANELLE  – DAN EZIO
  8. FREGONA – CHIES PATRIZIO
  9. GAIARINE – ZANCHETTA DIEGO
  10.  GIAVERA DEL MONTELLO – CAVALLIN MAURIZIO
  11. GODEGA DI SANT’URBANO – GUZZO PAOLA
  12. GORGO AL MONTICANO – COVER GIANNINA
  13. ISTRANA- GASPARINI  MARIA GRAZIA
  14. LORIA – BAGGIO SIMONE
  15. MARENO DI PIAVE  – CATTAI GIANPIETRO
  16. MASER – BENEDOS CLAUDIA
  17. MEDUNA DI LIVENZA – PITTON ARNALDO STEFANO
  18. MOGLIANO VENETO – BORTOLATO DAVIDE
  19. MONFUMO  – FERRARI LUCIANO
  20. MORGANO –ROSTIROLLA DANIELE
  21. MOTTA DI LIVENZA – RIGHI ALESSANDRO
  22. NERVESA DELLA BATTAGLIA – VETTORI FABIO
  23. ODERZO – SCARDELLATO MARIA
  24. ORSAGO – COLLOT FABIO
  25. PAESE – UBERTI KATIA
  26. PEDEROBBA – TURATO MARCO
  27. PIEVE DEL GRAPPA  – RAMPIN ANNALISA
  28. PIEVE DI SOLIGO  – SOLDAN STEFANO
  29. PONTE DI PIAVE – ROMA PAOLA
  30. PONZANO VENETO – BASEGGIO ANTONELLO
  31. QUINTO DI TREVISO – SARTORI STEFANIA
  32. REFRONTOLO – CANAL  MAURO
  33. RESANA – BOSA STEFANO
  34. REVINE LAGO – MAGAGNIN MASSIMO
  35. SAN FIOR – MASET GIUSEPPE
  36. SARMEDE – PIZZOL LARRY
  37. SPRESIANO – DALLA PIETRA MARCO
  38. TARZO – SACCHET VINCENZO
  39. TREVISO – CONTE MARIO
  40. VALDOBBIADENE – FREGONESE LUCIANO
  41. VEDELAGO – ANDRETTA CRISTINA
  42. VIDOR – CORDIALI ALBINO
  43. VILLORBA – SERENA MARCO
  44. VITTORIO VENETO – MIATTO ANTONIO
  45. VOLPAGO DEL MONTELLO – GUIZZO PAOLO
  46. ZENSON DI PIAVE   – DALLA NESE DANIELE
  47. CASIER – CARRARETTO RENZO
  48. CASTELCUCCO – TORRESAN ADRIANO
  49. SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA – VILLANOVA MIRCO
  50. CAERANO DI SAN MARCO – PRECOMA GIANNI
  51. SILEA –CENDRON ROSELLA
  52. ORMELLE – MANENTE ANDREA
  53. CORDIGNANO – BIZ ALESSANDRO
  54. SALGAREDA – FAVARETTO ANDREA
  55. TREVIGNANO – FELTRIN RUGGERO
  56. CONEGLIANO – CHIES FABIO
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità