Menu
Cerca
Salgareda

Mondo del nuoto a Oderzo in lutto: è morto Gianni Marangio

Diverse le comunità in lutto per la scomparsa del noto istruttore di nuoto.

Mondo del nuoto a Oderzo in lutto: è morto Gianni Marangio
Cronaca Oderzo e Motta, 03 Gennaio 2021 ore 11:46

Lutto a Salgareda per la morte dell’istruttore di nuoto Gianni Marangio.

Scomparso a 66 anni

Diverse le comunità in lutto per la scomparsa del noto istruttore di nuoto Gianni Marangio che, nella mattina di ieri, sabato 2 gennaio 2021 è morto nella sua abitazione a causa di un infarto. Marangio era originario di Lecce ed era conosciuto da tutti a Salgareda ma anche a Oderzo dov’era una figura di riferimento nel mondo del nuoto.

Cordoglio

Numerosi i messaggi di cordoglio sui social per la scomparsa di Gianni Marangio, la sorella scrive:

“Solo tre mesi fa eri qui con noi a Lecce. Adesso hai raggiunto la mamma e papà. Rip fratello mio”.

Piscina Arca Oderzo scrive sui social:

“Ciao Gianni!
Con la tristezza nel cuore salutiamo il nostro tecnico e amico da una vita, Gianni Marangio, che ci ha improvvisamente lasciato.
E' sempre stato una figura di riferimento per tutti noi, un amico fidato, simpatico, sempre col sorriso, con la battuta pronta, che sapeva rallegrare le giornate e che sapeva cogliere gli aspetti positivi anche nei brutti momenti.
La famiglia Arca piange uno storico e prezioso collaboratore ma anche un grande amico.
Siamo sicuri, Gianni, che troverai lassù infinite acque azzurre dove nuotare verso l’infinito e che ti metterai al lavoro anche lì per insegnare e condividere la tua grande passione.
Ci mancherai tanto!
Buon viaggio!”

Poseidon Sub Club scrive di lui:

“Caro
Gianni Marangio, nostro vecchio socio e grande amico, che ci ha lasciati in questo 2021 che non sta cominciando bene ... Vogliamo ricordarti così, con questa foto dopo un bellissimo weekend di immersioni e risate insieme. Ciao Gianni”.

LEGGI ANCHE:

Attimi di paura sull’A27: suv in fiamme tra Conegliano e Treviso Nord

TI POTREBBE INTERESSARE:

Regione pronta a pagare il farmaco più costoso al mondo per il piccolo Nicolò