Cronaca
@borghitalia 2020

Pioggia di visualizzazioni su Instagram, Asolo tra i 9 migliori risultati del contest

La città di Asolo rientra nella Top-Nine stilata da Instagram per i borghi d'Italia.

Pioggia di visualizzazioni su Instagram, Asolo tra i 9 migliori risultati del contest
Cronaca Treviso, 07 Gennaio 2021 ore 16:13

La città di Asolo tra i nove migliori risultati del contest @borghitalia 2020 per numero di visualizzazioni sul social network.

Pioggia di visualizzazioni per Asolo su Instagram

Accogliente, pittoresca e... fotogenica. La città di Asolo rientra nella Top-Nine stilata da Instagram per i borghi d'Italia le cui foto postate nel social network hanno ricevuto il maggior numero di visualizzazioni nel 2020. 387.100 visualizzazioni, per l'esattezza, che proiettano Asolo tra i nove migliori risultati del contest @borghitalia dell'anno trascorso.

“Questo risultato rientra nel più ampio discorso della promozione e del marketing turistico di Asolo - commenta il Sindaco Mauro Migliorini -. Far parte di circuiti nazionali di respiro internazionale come quello dei Borghi più belli d'Italia vuol dire che il nome di Asolo e del territorio si espande non solo a livello nazionale ma anche all'estero. Questo è solo un esempio della promozione e del marketing turistico attraverso un canale social come Instagram che porta a migliaia di visualizzazioni.
Cito anche l'esempio - aggiunge il Sindaco - dell'architetto e conduttrice televisiva Paola Marella che ha postato una foto di Asolo e ha ricevuto nel giro di 12 ore oltre 700 “like” su Instagram e circa 3000 “like” su Facebook. È un'ulteriore conferma che i social media sono strumenti assolutamente importanti per la promozione della nostra città, con l'auspicio che quando questo incubo legato alla pandemia sarà terminato Asolo possa riabbracciare i turisti, sia del turismo di prossimità che del turismo nazionale ed internazionale, che amano il nostro territorio, i nostri prodotti, la nostra cucina e che amano la Città dai Cento Orizzonti.”

LEGGI ANCHE:

Controlli sulle targhe di persone in quarantena: nessun trevigiano beccato fuori casa