Sostegno ai comuni

Provincia di Treviso: stanziati 100mila euro per la redazione dei piani acustici

La lotta all’inquinamento acustico resta un asse strategico per il benessere delle comunità, anche nella Marca trevigiana.

Provincia di Treviso: stanziati 100mila euro per la redazione dei piani acustici
Treviso, 17 Novembre 2020 ore 11:23

La Provincia di Treviso ha deciso di venire in supporto ai Comuni che necessitano di aggiornare i propri Piani di Classificazione Acustica, stanziando 100.000 euro con un apposito bando per la redazione degli stessi.

Lotta all’inquinamento acustico

La lotta all’inquinamento acustico è un asse strategico per il benessere delle comunità, specie in un territorio come quello della pianura padana altamente urbanizzato e industrializzato. Spetta ai Comuni la redazione di piani di classificazione acustica, mentre alle Province compete la verifica dei piani stessi e la congruità con quelli dei Comuni contermini. Ecco perché la Provincia di Treviso ha deciso di venire in supporto ai Comuni che necessitano di aggiornare i propri Piani di Classificazione Acustica, stanziando 100.000 euro con un apposito bando per la redazione degli stessi.

Aggiornamento di piani datati

I contributi saranno erogati per favorire così l’aggiornamento dei piani che spesso risultano ancora datati. L’azione mira al benessere della comunità, alla salvaguardia della salute pubblica e alla riqualificazione ambientale, e alla predisposizione di piani di risanamento acustico nei casi previsti dalla legge.

Il commento del presidente Marcon

“La Provincia svolge il fondamentale compito di supporto e coordinamento dei Comuni – spiega Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso – ecco perché abbiamo pensato a supportarli nella redazione dei Piani di Classificazione Acustica, che in certi casi sono poco aggiornati per mancanza di risorse interne”.

LEGGI ANCHE:

Covid, Zaia: “Ecco il test fai da te” | +1966 positivi in Veneto | Dati 16 novembre 2020

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità