Progetto

Vengono ripristinate sul Grappa le cisterne della Grande Guerra – FOTO

L’obiettivo è renderle fruibili per l’ acqua potabile, l’allevamento o ai fini antincendio.

Vengono ripristinate sul Grappa le cisterne della Grande Guerra – FOTO
Monte Grappa, 25 Agosto 2020 ore 14:23

Il presidente dell’Unione Montana del Grappa Paolo Mares: «Stiamo lavorando per riattivare le cisterne risolvendo il problema acqua sul Grappa».

Nuovo progetto

È partito un nuovo progetto per migliorare i servizi sul Grappa, ripristinando sei cisterne realizzate dal Genio Militare durante la Grande Guerra e da anni inutilizzate.

«Si tratta delle cisterne che servivano per sostenere e approvvigionare d’acqua il nostro esercito e che da almeno trent’anni non vengono manutentate, ora abbisognano di importanti interventi per riattivarle e renderle fruibili per uso potabile e non solo», spiega il presidente dell’Unione Montana del Grappa Paolo Mares. «Insieme ai tecnici di ATS abbiamo condotto un sopralluogo per valutare lo stato delle grandi cisterne che si trovano su Castel Cesil, sul Monte Palon a Possagno, sull’ Archeson, sul sentiero dee Meatte, in località Nappon e a Pian Dea Baea».

Rifornimento per stillicidio

Interessate notare che queste cisterne si autoalimentano per stillicidio o condensa e in particolare una di essere durante il periodo della Grande Guerra veniva rifornita per stillicidio ma anche attraverso enormi pompe che pompavano l’acqua dalla località San Liberale per arrivare fino alle Meatte.

«Con il sopralluogo che si è svolto ad agosto abbiamo avviato il percorso per riattivare le cisterne e prendere così concretamente in mano il problema acqua, grossa lacuna del Grappa», sottolinea Mares. Le finalità sono diverse: «queste grandi vasche hanno portate enormi, anche da 150mila litri, ma non tutte sono ripristinabili come impianti idrici a fini potabili. Per questo il ripristino sarà per l’uso umano ove possibile, negli altri casi per l’allevamento, per abbeverare i greggi e le mandrie, con l’eventuale possibilità di utilizzarle anche a fini antincendio».

Il rubinetto esterno rubato

Ad oggi tutte queste cisterne sono chiuse e sigillate, ma nonostante questo in alcuni casi il rubinetto esterno è stato rubato durante degli atti vandalici.

«Quello che è partito è un progetto ambizioso avviato in collaborazione con ATS e i carabinieri forestali che ringrazio nella persona del maresciallo Marco Dalla Gassa. Per ripristinare la funzionalità delle cisterne si provvederà alla pulizia delle stesse, spalmando una resina su tutte le pareti per renderle impermeabili, attivando impianti ad uso pubblico da rendere fruibili anche durante le escursioni dei cittadini e turisti, nello spirito di valorizzazione del nostro territorio anche ai fini turistici».

4 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità