Dopo la sparatoria

Polizia locale Treviso, controlli a tappeto su residenze e veicoli in sosta a Borgo Capriolo

Dopo la sparatoria dello scorso 8 febbraio, al setaccio gli appartamenti del quartiere per verificare gli effettivi residenti delle case popolari.

Polizia locale Treviso, controlli a tappeto su residenze e veicoli in sosta a Borgo Capriolo
Cronaca Treviso, 18 Febbraio 2021 ore 12:08

Polizia locale di Treviso, stamattina controlli sugli effettivi residenti a Borgo Capriolo dopo la sparatoria dello scorso 8 febbraio.

Polizia locale Treviso, controlli a tappeto a Borgo Capriolo

Controlli sugli effettivi residenti a Borgo Capriolo. Questa mattina, giovedì 18 febbraio 2021, tre pattuglie della Polizia Locale hanno effettuato alcune ispezioni negli appartamenti per verificare gli effettivi abitanti servendosi anche dell’ausilio del cane antidroga Luke che ha perlustrato tutto il parco.

«Dopo i gravi fatti avvenuti l’8 febbraio scorso il sindaco Mario Conte aveva chiesto approfonditi controlli sugli effettivi residenti delle case popolari di Borgo Capriolo», afferma il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Questa mattina sono stati controllati approfonditamente alcuni appartamenti ed alcuni residenti di passaggio. Ora confronteremo i dati raccolti con quelli in possesso del Settore Servizi Sociali in modo tale da monitorare in via continuativa chi effettivamente abita negli alloggi comunali. Chi non ha titolo dovrà essere allontanato. Le verifiche saranno frequenti e sistematiche».

LEGGI ANCHE: Sparatoria Treviso, il video del fermo del 36enne rom accusato di tentato omicidio

Auto di grossa cilindrata sospetta

In mattinata sono stati effettuati accertamenti anche sui veicoli in sosta: su un’auto di grossa cilindrata parcheggiata nelle vicinanze di un immobile saranno effettuate alcune verifiche in quanto dai documenti esibiti non risultava il titolo di possesso.

Polizia locale Treviso, controlli a tappeto su residenze e veicoli in sosta a Borgo Capriolo

 

Investimenti su videosorveglianza nella zona

Anche in tema di videosorveglianza la zona sarà al centro di importanti investimenti.

«Nel caso in cui il Ministero non dovesse scorrere la graduatoria del progetto che risulta comunque approvato», aggiunge Gallo, «troveremo risorse economiche per installare nuovi punti di videosorveglianza su via Santa Bona Nuova e all’entrata di Borgo Capriolo con un lettore targhe in modo tale da incrementare gli standard di sicurezza di tutta la zona».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli